Attualità e Mercato

pubblicato il 20 marzo 2017

5 cose che forse non sai sulla precedenza

Come comportarsi ad un incrocio! Sembra scontato, eppure...

5 cose che forse non sai sulla precedenza

Dimenticate il caso più semplice di incrocio: semaforo rosso per chi arriva da una certa direzione, e verde per chi arriva da un’altra. In questo caso è facile stabilire chi debba fermarsi e chi passare. Concentratevi invece su casi molto più complessi e delicati. Come ci si comporta in queste situazioni? Vediamo di capirlo con 5 punti, alla luce della recentissima sentenza della Cassazione, numero 11705/2017.

1) In base all’articolo 145 del Codice della Strada, automobilisti e motociclisti, mentre si avvicinano a un incrocio, devono usare la massima prudenza al fine di evitare incidenti. Quando due veicoli stanno per impegnare un incrocio, se le loro traiettorie stanno per intersecarsi, si ha l’obbligo generale di dare la precedenza a chi proviene da destra: regola che non vale se c’è qualche segnale che dice diversamente.

2) Il cartello classico è quello di Stop: ci si ferma sempre alla linea di arresto, e si dà la precedenza. L’altro segnale è il triangolo con la punta in giù: si deve dare la precedenza, quando occorre bisogna rallentare. Ci si ferma solo se necessario per far passare per primo l’altro mezzo.

3) Ma c’è un’altra precedenza, quella di fatto: scatta se il guidatore che deve dare la precedenza giunge all’incrocio con tale anticipo da consentirgli l’attraversamento senza pericolo di collidere con il veicolo che ha la precedenza. Questi non è costretto a effettuare manovre di emergenza o a rallentare, né tantomeno a fermarsi.

4) Per la Cassazione, si deve tenere una condotta prudente e diligente. Anche quando si ha la precedenza. Il motivo? Non si può fare affidamento sul fatto che i veicoli favoriti siano a loro volta gravati dall’obbligo di rallentare in prossimità dell’incrocio.

5) Morale: in caso di sinistro fra chi ha la precedenza e un altro veicolo che già stava impegnando l’incrocio, può scattare il concorso di colpa: i due guidatori sono responsabili (al 50% o in percentuali diverse, come 30% e 70%) del sinistro. Insomma, anche se avete la precedenza, dovete sempre procedere con la massima prudenza, capendo bene se l’altro guidatore sia disposto a cedere il passo.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada


Top