Special e Elaborazioni

pubblicato il 8 marzo 2017

BMW R100 by Untitled

Una vecchia bavarese trasformata in una modern-classic di ispirazione scrambler

BMW R100 by Untitled
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 1
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 2
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 3
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 4
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 5
  • BMW R100 by Untitled - anteprima 6

Questo che vedete in foto è il risultato ottenuto dal customizer Untitled dopo un lungo lavoro effettuato su una BMW R100 del 1983. La base di partenza è dunque un veicolo decisamente fuori dai tempi che però, con i ritocchi giusti, non solo diventa accattivante e bello da vedere ma anche attuale e in linea con i nuovi modelli vintage che il mercato sforna ormai con rapida frequenza.

Cerchio a raggi da 19’’ all’anteriore

Per ottenere questo gioiello è stato innanzitutto smontato tutto l’esemplare originale e riassemblato da capo. Il motore è stato rivisto in tutte le sue parti e ha guadagnato nuovi elementi (tra cui nuovi collettori), sempre mantenendo l’impostazione originale. Via le ruote di serie e spazio a due “pezzi” inediti, con l’anteriore a raggi da 19’’, che richiama il mondo scrambler, e il posteriore da 18’’ più stradale. Completamente rivisto, come ci si aspetta su una moto di oltre 30 anni, l’impianto elettrico, gestito da una nuovissima batteria dalla tecnologia moderna.

Sella in pelle con cuciture a vista

La tinta utilizzata per riverniciare il serbatoio richiama i vecchi colori, con la parte a strisce quasi parallela con la forcella, e dona alla moto quell’aspetto vintage e modaiolo. Al serbatoio è accoppiata una sella completamente realizzata a mano, rivestita in pelle e dotata di cuciture a vista. Anche se non si vedono ci sono delle piccole frecce integrate al telaio e dietro c’è un fanale a LED nel piccolo parafango. Davanti, invece, spicca il faro tondo reso ancor più suggestivo dalla colorazione gialla del vetro. Non ha subito, infine, variazioni il telaio.

Moto d’epoca si, ma alla moda

Insomma, anche in questo caso abbiamo la dimostrazione che con un po’ di impegno, e soprattutto un bel po’ di gusto e talento, oltre che di soldi (ma non è detto che ce ne vogliano molti) si può trasformare una vecchia moto in una modern-classic che nulla ha da invidiare, almeno dal punto di vista estetico, alle classiche moderne. Per le performance, poi, è chiaro, dovrete accontentarvi. Ma chi se ne frega...

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top