dalla Home

Test

pubblicato il 25 febbraio 2017

BMW R nineT Scrambler: perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Motore boxer di carattere e look da modern-classic. Una tedesca bella da vedere e divertente da guidare.

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 1
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 2
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 3
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 4
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 5
  • Test BMW R nineT Scrambler - anteprima 6

Per chi cerca una moto trendy e alla moda, ma non vuole rinunciare a prestazioni e piacere di guida, la BMW R nineT Scrambler rappresenta sicuramente una scelta interessante, grazie ad una spiccata personalità estetica e a doti dinamiche inaspettate. Deriva strettamente dalla R nineT, ma non è una semplice divagazione sul tema. E neppure un esercizio di stile. L’interpretazione moderna dello Scrambler secondo la Casa dell’Elica ha un’identità molto ben delineata... come vi racconta Diego in questo #perchécomprarla

Cosa piace... e cosa no!

Un mezzo dall’aria scanzonata, a bordo del quale tutto è semplice, naturale, piacevole… e che su strada convince, anche quando si cerca la bella guida tra le curve. L'estetica è "minimal", sexy al punto giusto, caratterizzata dal faro tondo, dal doppio scarico sovrapposto e dai muscoli in bella vista. Cuore pulsante della moto, è il bicilindrico boxer da 1.170 cc - capace di 110 CV e 116 Nm di coppia massima - mentre la ciclistica si caratterizza per la ruota anteriore da 19’’, un telaio con inclinazione di sterzo aumentata (che raggiunge i 28,5 gradi) e sospensioni di maggiore escursione... il tutto per consentire anche leggere escursioni in fuoristrada. Un mezzo, questa BMW Scrambler, che fa venire voglia di moto all’istante. Per andare a spasso, è ok. Per andare al bar, è ok. In mezzo al traffico - manubrio largo, busto dritto, tanto controllo - è ok. Poi un bel percorso guidato la libidine sale come proprio non ti aspetteresti. Ancora di più, se l’asfalto è di quelli ben messi che non fanno saltellare troppo il posteriore (la cui impostazione rimane comunque un po’ “rigida” come sulla R nineT). Pienamente convincente, invece, il comportamento della forcella, che incassa bene anche fondi sconnessi e offre un ottimo sostegno quando serve.

Passando a ciò che convince meno, oltre alla risposta un po' troppo "secca" della sospensione posteriore, anche qualche info in più - lato strumentazione - non sarebbe dispiaciuta affatto. BMW R nineT Scrambler è disponibile presso le concessionarie del marchio bavarese ad un prezzo di listino di 14.000 euro.

Autore: Redazione

Tag: Test , test , prove , video


Top