Attualità e Mercato

pubblicato il 20 febbraio 2017

Dalla Spagna il retrovisore che limita l'angolo cieco in moto

Un sistema multispecchio aumenta la sicurezza e la visibilità durante i sorpassi

Dalla Spagna il retrovisore che limita l'angolo cieco in moto

Gli specchietti retrovisori sono un sistema di sicurezza imprescindibile per tutti i mezzi a motore, ma hanno un punto debole molto importante: l'angolo cieco, ovvero quella parte di visuale accanto al mezzo che non viene coperta nè dagli specchi retrovisori, nè dalla visione periferica del nostro sguardo, con il rischio di non accorgersi se c'è un mezzo accanto al nostro durante le manovre di sorpasso e cambio corsia.

Due specchi in un unico retrovisore

Nel mondo delle auto, dove gli specchi possono essere più grandi, si utilizzano da anni retrovisori curvi e specchietti supplementari che pur non eliminando completamente l'angolo cieco, ne limitano lo spazio. Altra soluzione è quella del sensore di angolo cieco, ovvero una luce che si illumina (sullo specchio o in abitacolo) e che ci indica la presenza di un mezzo nello spazio che l'occhio non può raggiungere.
Per le moto è diverso, sia per la dimensione dei retrovisori che per la tecnologia applicabile. Dalle pagine di masmoto.net, arriva una possibile soluzione, inventata da Miguel José Catalá Albors, un motociclista di Valencia che ha brevettato uno specchio retrovisore ripartito in due pezzi: uno regolarmente puntato indietro, e l'altro più angolato verso l'esterno che aumenta parecchio la visuale laterale.

Funziona davvero?

Niente di realmente rivoluzionario, perchè specchi così si vedono da anni nelle auto; la vera novità è che nessuno li aveva mai applicati alle moto. Il progetto di Josè sta avendo un discreto successo nella vendita aftermarket, ma ha anche i suoi limiti, come un ridotto campo visivo posteriore a causa dello specchio piccolo, una distorsione dell'immagine che richiede una certa abitudine e una dimensione del sistema multispecchio abbondante, come si vede dalla foto. Rimane comunque un'ottima soluzione che aumenta la sicurezza. Verrà adottato anche dalle Case in futuro?

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza


Top