dalla Home

Test

pubblicato il 11 febbraio 2017

Yamaha Tracer 700: perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Un crossover facile e adatto a tutti, divertente da guidare... buono per viaggiare

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 1
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 2
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 3
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 4
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 5
  • Prova Yamaha Tracer 700 - anteprima 6

Nel combattuto segmento dei crossover di media cilindrata Tracer 700 ha saputo subito ritagliarsi un ruolo da protagonista, che gli ha consentito di sfidare a viso aperto l'apprezzatissima Honda NC750X. Ma quali sono le frecce all'arco di questa Yamaha? Estetica sobria ma accattivante, un piacevole accento sportivo, prestazioni vivaci e... tutto il comfort necessario a intraprendere qualche bel viaggio, anche in coppia: questi gli ingredienti di una formula di successo nient’affatto semplice da ottenere.

Cosa piace… e cosa no!

Dalle parti della Casa dei Tre Diapason lo definiscono senza mezzi termini “sport-tourer”, per rendere immediata l’identificazione delle due anime di questo modello, spinto dal collaudato due cilindri crossplane a scoppi irregolari, già utilizzato su MT-07 e XSR700. Un’unità con fasatura a 270 gradi e una potenza di quasi 75 CV a 9.000 giri/min. Il risultato: una resa brillante ai medio-bassi, buona spinta in uscita di curva e una piacevole reattività ad ogni manata di gas.
Agile nei cambi di direzione, ma non iper-reattivo, Tracer 700 offre tanto comfort in sella grazie ad una ergonomia molto corretta e alla buona protettività, il cui merito va soprattutto al plexiglas che protegge a dovere anche a velocità elevate. Sui percorsi tormentati, la moto “danza” svelta tra una curva e l’altra, scende omogenea in piega ed è stabile e confidente sul veloce, proprio come si conviene ad un mezzo nato per andare lontano. Il feeling con l’avantreno è talmente buono che in alcune situazioni non dispiacerebbe un manubrio un po’ più largo, così da avere una leva maggiore per ingressi in piega ancora più aggressivi.

Passando a ciò che convince meno, il mono posteriore, talvolta, risulta un po’ troppo secco nella risposta sui fondi non omogenei; la frenata, invece, potrebbe essere un po’ più energica, soprattutto quando il ritmo di guida sale e si cercano staccate più aggressive.

Yamaha Tracer 700 è venduta al prezzo di 7.990 euro in 3 varianti di colore: black, blu e red. Se volete saperne di più, schiacciate play e gustatevi il nostro #perchécomprarla.

Abbigliamento tecnico utilizzato
Giubbotto Alpinestars Valparaiso 2
Pantaloni Alpnestars Valparaiso 2
Stivali Alpinestars New Land Gore-Tex
Guanti Alpinestars
CascoShark Skwal

Autore: Redazione

Tag: Test , test , prove


Top