Special e Elaborazioni

pubblicato il 9 febbraio 2017

Ducati 848 EVO by NCT Moto

La supersportiva di Borgo Panigale trasformata in una café racer

Ducati 848 EVO by NCT Moto
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 1
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 2
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 3
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 4
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 5
  • Ducati 848 EVO by NCT Moto - anteprima 6

La special che vi proponiamo oggi è un po’ più “special” delle solite. Principalmente per due motivi: in primo luogo perché la moto su cui ha lavorato il customizer è piuttosto recente, secondo perché non è una moto classica ma, pensate, una superbike. Stiamo parlando infatti di un Ducati 848 EVO, una supersportiva, che per l’occasione è stata trasformata in una café racer dai ragazzi di NCT Moto.

Una superbike con un abito classico

L’anima della 848 EVO non è stata però stravolta. Anche se con una nuova veste la moto resta un bolide a tutti gli effetti e, anzi, è ora ancora più performante. “Abbiamo voluto pensare a una moto diversa dalle solite, senza pensare alle vendite e ai clienti. Abbiamo pensato a una moto da realizzare per noi”, ha detto David Widmann di NCT Moto. Così si è messo al lavoro con i suoi colleghi e insieme hanno smontato completamente la 848 per rifarla da capo, a modo loro. Tutte le parti della carrozzeria originali sono state sostituite, fatta eccezione per il serbatoio. Tutti i pezzi nuovi, dai parafanghi anteriori e posteriori ad altri piccoli elementi, sono stati realizzati in fibra di carbonio. Il telaio ha subìto qualche piccola variazione, così come le sospensioni originali sono state sostituite da ammortizzatori Ohlins.

Piccoli ritocchi che fanno la differenza

La coda è forse l’elemento più retrò della moto: è monoposto e ha una forma che ricorda quella delle vecchie café racer. In compenso, a renderla allo stesso tempo moderna, ci pensa la tecnologia a LED utilizzata per il gruppo ottico. Stessa tecnologia che ritroviamo anche nel faro tondo che troviamo all’anteriore. La sella ha uno stile classico, è bicolore ed è rivestita in pelle con cuciture a vista. Non hanno subìto variazione i freni Brembo ma sono cambiate le leve al manubrio. Il motore guadagna una nuova mappatura della centralina, nuovi filtri, ed è accoppiato ora ad un nuovo scarico Akrapovic molto accattivante. Le ruote sono avvolte da Pirelli Diablo Supercorsa SC2 e la “carrozzeria” è stata verniciata con un verde oliva che richiama il colore delle moto degli anni 50/60. Insomma, bella è bella. Peccato però non poterla provare… (credits: bikeexif)

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top