dalla Home

Sport

pubblicato il 27 gennaio 2017

MotoGP: esperimenti Ducati a Sepang

Nuova bizzarra soluzione al posteriore e cerchi semi-lenticolari per sviluppare la Desmosedici 2017

MotoGP: esperimenti Ducati a Sepang
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 1
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 2
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 3
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 4
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 5
  • Test Ducati MotoGP 2017 a Sepang - anteprima 6

Ducati vuole vincere il mondiale, è risaputo, e si sta impegnando davvero per raggiungere questo traguardo. Dopo aver preso un top rider come Jorge Lorenzo, il focus si sposta sull'evoluzione della Desmosedici, che si è presentata ai primi test di Sepang con i collaudatori Pirro e Stoner, che hanno provato soluzioni inedite e bizzarre.

Strano codone e strani cerchi

Fin dal primo giorno ha girato in Malesia una strana versione della MotoGP bolognese, dotata di uno strano codino "scatolato" e lo scarico alto spostato sul lato destro ma sempre in posizione alta. Cosa conterrebbe questo scatolotto? Non lo sappiamo ancora, ma potrebbe trattarsi di una sorta di turbina collegata ai gas di scarico che, generando un flusso d'aria ad alta pressione verso il basso, aiuterebbe ad alzare il posteriore in fase di accelerazione evitando le impennate. Una soluzione bizzarra per sopperire alla mancanza delle ali come previsto da regolamento 2017.
Il secondo giorno, con anche Casey Stoner in pista, si è vista una Desmosedici dotata di cerchi dai bordi del canale molto alti, come delle sponde che vanno quasi a chiudere sia il cerchio anteriore che quello posteriore. Lo scopo è senza dubbio di tipo aerodinamico, per evitare i vortici d'aria causati dalle razze delle ruote come con una ruota lenticolare, ma allo stesso tempo non interferire nell'effetto giroscopico e quindi nella manovrabilità del mezzo.

Si lavora sodo in Ducati

Quali di queste soluzioni arriverà sulla moto definitiva del mondiale non possiamo ancora saperlo, forse entrambe o forse nessuna, ma è chiaro che si sta lavorando al massimo per raggiungere il miglior risultato possibile. Nei box di Sepang ha fatto capolino anche Lorenzo, che non ha potuto provare ancora la moto dato che non si trattava di test IRTA. L'interesse di Jorge per lo sviluppo della sua moto è un altro campanello che dimostra come la squadra stia lavorando a stretto contatto. Speriamo di vedere un campionato combattutto con le rosse in primo piano. Tutte le informazioni sui test le trovate su motorsport.com

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp


Top