dalla Home

Sport

pubblicato il 25 gennaio 2017

SBK: ecco la Honda CBR1000RR 2017 di Hayden e Bradl

Finalmente in pista l'unica novità moto della prossima stagione, la nuova e bellissima Superbike giapponese

SBK: ecco la Honda CBR1000RR 2017 di Hayden e Bradl
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda CBR1000RR da Superbike - anteprima 1
  • Honda CBR1000RR da Superbike - anteprima 2
  • Honda CBR1000RR da Superbike - anteprima 3
  • Honda CBR1000RR da Superbike - anteprima 4
  • Honda CBR1000RR da Superbike - anteprima 5

In molti si aspettano grandi cose dalla nuova CBR1000RR, sia sul mercato che in ambito sportivo. Per quanto riguarda la versione stradale, sarà sicuramente una delle best seller della categoria, con una filosofia fedele alla tradizione e un'estetica che finalmente mette d'accordo tutti, mentre nella Superbike c'è bisogno di riscatto dopo i risultati insufficienti delle ultime stagioni.

Da gara è ancora più bella

Per provare a risollevare il marchio Honda nelle derivate di serie arriva nella squadra Honda Racing anche Stefan Bradl, che affianca il confermato Nicky Hayden. Due campioni del mondo (MotoGP e Moto2) che con la loro esperienza sapranno far crescere il nuovo progetto CBR, speriamo molto più competitivo della penultima versione di questa moto, che aveva profonde carenze rispetto alla concorrenza.
I primi giri in pista dei piloti ufficiali hanno finalmente dato la possibilità di ammirare la moto in configurazione da gara, e non ci sembra esagerato ammettere che si tratta di una delle SBK più belle degli ultimi anni. L'estetica della moto di serie viene mantenuta, ma estremizzata in questa maniera (con un cupolino leggermente diverso e gli adesivi dei fari più piccoli) acquista un fascino rozzo e aggressivo, tipico delle moto da corsa che vanno forte.

Cosa ne pensano i piloti?

Nicky e Stefan hanno anche avuto modo di valutare il mezzo dopo i primi chilometri: "Siamo molto contenti di avere finalmente un motore fatto per gareggiare. In Honda hanno letteralmente costruito il motore per questi test, quindi c'è ancora del lavoro da fare in molte aree" ha commentato il Kentucky Kid, mentre il tedesco: "Questo è il primo motore con queste specifiche quindi è solo l'inizio. Abbiamo bisogno di lavorare anche sull'elettronica, per esempio il wheelie control ci ha dato del problemi. Manca poco alla prima gara e sappiamo di essere ancora un po' indietro con lo sviluppo, ma troveremo la soluzione, ci sono tanti bravi ragazzi che lavorano a questo progetto". Speriamo di vedere la nuova CBR sul podio presto! Tutte le info sul campionato SBK che sta per iniziare le trovate su it.motorsport.com

Autore: Redazione

Tag: Sport , superbike


Top