dalla Home

Curiosità

pubblicato il 18 gennaio 2017

A velocità folle nel traffico: 30 mesi di carcere per uno svizzero [VIDEO]

Con divieto di guidare e acquistare mezzi a motore per 5 anni e demolizione della moto. La giustizia elvetica è stata severa

A velocità folle nel traffico: 30 mesi di carcere per uno svizzero [VIDEO]

Nel 2012 questo video era diventato un caso nazionale in Svizzera, coinvolgendo anche la stampa non specializzata che aveva alzato il dibattito sulla sicurezza sulle strade. Il filmato, pubblicato in rete, mostrava un motociclista sfrecciare a velocità folli sulle strade di Ginevra, a 160 km/h fra traffico e pedoni.

30 mesi di carcere, divieto di guidare e moto demolita

Il video è del 2012, ma il filmato è del 1998 e fu girato dall'allora 35enne (ribattezzato Ghost Rider, come da titolo del video) che infranse in maniera esagerata il codice della strada. Una volta identificato, il motociclista è stato arrestato ed è apparso davanti alla corte lo scorso Lunedi. Si è dichiarato colpevole alle accuse rivolte ed è stato condannato a 30 mesi di carcere, con il divieto di guidare qualsiasi veicolo a motore per 5 anni e l'obbligo di non acquistare veicoli nello stesso periodo.
La moto utilizzata quel giorno è stata sequestrata e demolita e il Ghost Rider ginevrino si è mostrato subito pentito: "Non penso che lo rifarò, non vale la pena di spendere tutta la vita in prigione per la moto". Come sempre, la Svizzera è molto severa con chi crea pericolo sulle strade... vorreste che ci fosse questo rigore anche in Italia o forse i nostri vicini hanno un po' esagerato?

 

Ghost Rider svizzero

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , codice della strada


Top