Special e Elaborazioni

pubblicato il 18 gennaio 2017

Yamaha FZS 600 by Bad Winners

La sport-tourer diventa una hyper-naked

Yamaha FZS 600 by Bad Winners
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 1
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 2
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 3
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 4
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 5
  • Yamaha FZS 600 by Bad Winners - anteprima 6

Se per caso avete in garage una vecchia Yamaha FZS 600 Fazer del 2000 e pensate di venderla, guardate come è riuscito a trasformarla il custimizer Bad Winners. Ha smontato tutta la moto originale ripartendo da zero e creando un mix perfetto e armonioso tra una cafè racer, una hyper-naked e una supermotard. Ha realizzato, insomma, una moto estremamente attuale, di quelle che Yamaha potrebbe mettere sul mercato anche il prossimo anno all’interno della sua nuova collezione Heritage, per intenderci.

Più leggera e performante

Si perché la creatura di Bad Winners non è solo il frutto di una profonda rivisitazione estetica, ma anche di uno stravolgimento della parte tecnica che ha portato a un importante crescita delle performance. Intanto buona parte della ciclistica è stata presa in prestito da una Yamaha R6 del 2012: forcella, ruote, freni e forcellone (il quale ha richiesto un duro lavoro per poterlo adattare al telaio della FZS 600). Il quattro cilindri Yamaha è stato “spremuto” ed è passato dai 95 ai 107 CV di potenza massima, che si sposano a meraviglia con una riduzione molto importante del peso della moto: eliminando le sovrastrutture e riducendo tutto all’osso si è ottenuto un peso a secco di soli 123 kg. Chiaramente ci troviamo di fronte a un prototipo, a un modello che non può circolare in strada: non ci sono i fari, non ci sono specchietti, non c’è targa.

Design minimal e moderno

Rifacendo il motore Bad Winners ha rivisto anche tutto il cablaggio e l’impianto elettrico. Così come è stato realizzato a mano uno scarico basso dal design molto accattivante. Spiccano una piccola luce a LED a sinistra del serbatoio e una più in basso, fendinebbia, posizionata sul lato destro del motore. Per il resto, come anticipato, non ci sono sovrastrutture. C’è una sella monoposto molto ben fatta, dotata di una piccola striscia di LED nella parte bassa. Il serbatoio è stato ridisegnato e verniciato in nero, bianco e giallo (colore che troviamo sul parafango posteriore). Completano il quadro gomme slick e manubrio largo.

E viene una gran voglia di guidarla…(credits foto: bikeexif)

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top