dalla Home

Sport

pubblicato il 16 gennaio 2017

Domenicali: "Ducati e Lorenzo pronti a battere Rossi e Marquez"

L'amministratore delegato di Ducati ha le idee abbastanza chiare, ha preso un top rider per vincere il mondiale

Domenicali: "Ducati e Lorenzo pronti a battere Rossi e Marquez"

In occasione del lancio del nuovo locale Ducati Food Factory di Bologna, motorsport.com ha scambiato due chiacchiere con Claudio Domenicali, AD di Ducati, e l'ha fatto ovviamente focalizzando il discorso sul programma sportivo della Casa per il 2017.

Una squadra tutta italiana, tranne il pilota di punta

Domenicali non ha tante esitazioni, il suo primo intervento punta a rimarcare la sicurezza nell'aver preso Jorge Lorenzo come pilota di punta della squadra: "Nel 2016 siamo cresciuti tantissimo e abbiamo vinto due gare. Eravamo maturi per portarci in squadra un pilota come Giorgio, come lo chiamiamo noi. Lorenzo ha delle indiscusse capacità di guida, ma dovrà un po’ adattarsi alla nostra moto."
Un pilota spagnolo per una squadra che punta, però, sul made in Italy: "L’amministratore delegato è nato poco lontano dal centro di Bologna, Gigi Dall’Igna è un veneto e il tessuto della squadra è al 99,9% italiano. Questo è un motivo di orgoglio in un paese che spesso viene sbeffeggiato nelle classifiche internazionali di produttività o di capacità di essere leader di un settore”.

Ducati punta dritta al titolo

Sulle possibilità di vittoria del mondiale, l'AD è convinto di averne tante: "L’idea è di competere e provare a vincere. Ci siamo già riusciti nel 2007 poi diciamo che il mondo dello sport è fatto di fasi in cui ci sono momenti positivi e altri più critici: noi abbiamo avuto un momento molto difficile nel 2011 e 2012 che ci ha visto in grande sofferenza, ma poi abbiamo cominciato una grande ripresa, non arrendendoci mai: prima andando vicino al podio e l’anno scorso vincendo delle gare.
Il nostro obbiettivo nel 2017 è vincere il mondiale, è chiaro. Ora abbiamo tutte le carte in regola per provarci. Poi è chiaro, oltre a Giorgio ci sono diversi altri piloti molto forti nel campionato. E non ultimo il campione del mondo, Marc Marquez, che parte favorito per il titolo. Noi ci vediamo dei candidati a stare nella battaglia per il mondiale”.

Non più ali, ma una sorpresa!

 

Nell'intervista completa - potete leggerla su motorsport.com - si parla anche della prima gara in Qatar e di Andrea Dovizioso, ma l'ultima parte ci teniamo a riportarla, perchè è una succosa anticipazione di quello che vedremo fra qualche giorno (il 20 gennaio) alla presentazione ufficiale di moto e squadra. Ci sarà una sorpresa nella presentazione Ducati del 20 gennaio dopo l’abolizione delle ali sulle MotoGP? “Sarà una sorpresa…”.

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp , interviste


Top