Special e Elaborazioni

pubblicato il 13 gennaio 2017

Rocket by XTR Pepo

Il preparatore spagnolo ha cannibalizzato diverse moto per arrivare a questo risultato. Il motore è di una Triumph Legend TT 900

Rocket by XTR Pepo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 1
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 2
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 3
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 4
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 5
  • XTR Pepo Rocket - anteprima 6

Guardando le foto di questa moto si rimane un po' confusi... nel serbatoio compare la scritta BSA, mentre sulle carene laterali c'è scritto Rocket 3, una moto della Triumph che non ha molto a che vedere con le cafè racer, allora di che moto si tratta? XTR Pepo, preparatore spagnolo già diventato famoso con Radical Ducati, ha realizzato una moto che celebra lo spirito racing inglese.

Un mix di tanti elementi

Un mix del genere non l'avevamo ancora visto. La XTR Pepo Rocket era in origine una Triumph Legend TT 900, ma con la cura di Pepo Rosell è diventata un animale da pista. Per essere non solo bella ma anche efficiente ha preso a piene mani dalla migliore racer inglese, la Daytona 675R, e il risultato è davvero spettacolare.
Della 675 sono le sospensioni Ohlins (mono posteriore YSS), il parafango in carbonio e le pedane, mentre le leve freno e i dischi sono della Brembo direttamente da una Ducati 1098. I semimanubri sono personalizzati, la strumentazione è della Motogadget e anche tutte le sovrastrutture come carena e codino sono stari realizzati in officina da Pepo, che ha anche modificato il serbatoio di una Suzuki Bandit per adattarlo al telaio realizzato a mano.

Risultato spettacolare

Altre cannibalizzazioni arrivano dal cavalletto di una Yamaha TRX, lo scarico di una Triumph Speed Triple modificato con silenziatore SuperMario. La trasmissione finale con catena dorata è della Tsubaki mentre il filtro aria DNA. Conclude il pacchetto la modifica meccanica ai cilindri e la verniciatura vintage realizzata da Pintumoto. Il risultato? un mix equilibratissimo che rappresenta un bel tributo alle moto inglesi che correvano e vincevano nel dopoguerra.

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top