dalla Home

Special e Elaborazioni

pubblicato il 11 gennaio 2017

Kawasaki W650 by Heiwa MC

La classica giapponese diventa una custom elegante e chic

Kawasaki W650 by Heiwa MC
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 1
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 2
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 3
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 4
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 5
  • Kawasaki W650 by Heiwa MC - anteprima 6

Il customizer Heiwa MC ha preso una Kawasaki W650 del 2002, che può essere definita una modern-classic per eccellenza, e l’ha trasformata in una custom estremamente elegante e originale: degno esemplare da collezione. Per ottenere questo risultato, ovviamente, è stato necessario lavorare molto sodo su tutte le parti della moto. Fatta eccezione per il propulsore, che è l’unica componente rimasta invariata: il resto è cambiato tutto, completamente!

Stravolgimento...

Il bicilindrico Kawa non ha subìto modifiche se non nella parte dei terminali: si tratta di scarichi aftermarket a forma di cono che esaltano le linee eleganti di questa special. Il design, come anticipato, è profondamente mutato. Sono cambiate le quote ciclistiche, l’altezza da terra è diminuita in maniera importante, a tal punto da costringere il customizer a modificare la leva del cavalletto laterale. Il telaio è stato lavorato in più parti per consentire alla W650 (o a quel che resta di essa) di assumere una “postura” diversa. Cambiano forcella e sospensioni posteriori, dietro i quali si nascondono nuove ruote a raggi, equipaggiate con pneumatici Firestone con spalla molto alta. Scompare il parafango anteriore, mentre quello posteriore viene sostituito con un elemento minimal che accoglie un piccolo fanale in alluminio e un portatarga: tutto sempre all’insegna dell’eleganza e dell’originalità.

Serbatoio snello e manubrio basso

Davanti alla sella monoposto spicca un nuovo serbatoio snello e lungo, in perfetto stile vintage (forse solo non molto capiente). Il manubrio classico, invece, lascia il posto a un manubrio basso che crea quasi lo stesso effetto dei semimanubri. Al centro spicca un piccolo tachimetro digitale e davanti un faro singolo rotondo senza ulteriori sovrastrutture. Si fa notare, inoltre, l’insolita posizione dello specchietto retrovisore (ma c’era da aspettarselo vista l’entità della personalizzazione). Ciliegina sulla torta la vernice scura con elementi di contorno dorati, che valorizza ulteriormente una creazione molto ben fatta ed curata in ogni minimo dettaglio. Si guiderà meglio o peggio della 650W standard? Di sicuro si guiderà differentemente, ma in fondo poco importa se già da ferma riesce a fare così la differenza… (foto: bikeexif)

Autore: Francesco Irace

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top