Attualità e Mercato

pubblicato il 4 gennaio 2017

Autostrade: rincari per i motociclisti (nonostante tutto)

Ecco come aumentano i pedaggi a partire dal 1° gennaio 2017

Autostrade: rincari per i motociclisti (nonostante tutto)

E dire che, quando appena qualche tempo fa, in tanti si erano mobilitati per far “dimezzare” i pedaggi per le due ruote, un po’ ci avevamo creduto. E invece, non solo non è servito a molto, ma con il 2017, puntuali, ecco i nuovi rincari che andranno a pesare sulle tasche di tutti coloro che utilizzano la rete autostradale per i propri spostamenti. Il dato medio di aumento - pari allo 0,77%, come fa sapere il Ministero dei Trasporti e Infrastrutture - non è in assoluto altissimo ma, se sommato ai continui rincari di questi ultimi anni, rende sempre più “impegnativa” la sosta al casello, indiscriminatamente per automobilisti e motociclisti.

Perché gli aumenti

A spiegarci il motivo dell’aumento ci pensa direttamente il ministero “L'aggiornamento annuale delle tariffe deriva dall'applicazione di quanto contrattualmente previsto dalle Convenzioni Uniche stipulate dal 2007 in attuazione della legge di riforma del settore n. 296/2006 unitamente alle Delibere Cipe del 2007 e del 2013 che hanno stabilito le formule tariffarie e criteri di calcolo”. In pratica, le tariffe vengono adeguate secondo parametri che tengono conto dell'inflazione (programmata o reale), della qualità del servizio offerto, nonché agli investimenti in beni devolvibili effettuati. Per “bilanciare” sono stati previsti sconti tariffari per abbonati Telepass su determinate direttrici (come la Bre.be.mi. e la TEEM, non a caso due tratti interessati da forti aumenti percentuali: rispettivamente +7,88%, e +1,90%).

Nel dettaglio…

A seguire, nello specifico, tutti gli aumenti previsti sulle diverse tratte per il 2017: Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%; ATIVA S.p.A. 0,88%; Autostrade per l'Italia S.p.A. 0,64%; Autostrada del Brennero S.p.A. 0,00%; Autovie Venete S.p.A. 0,86%; Brescia-Padova S.p.A. 1,62%; Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%; CAV S.p.A. 0,45%; Centro Padane S.p.A. 0,00%; Autocamionale della Cisa S.p.A. 0,24%; Autostrada dei Fiori S.p.A. 0,00%; Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 1,50%; Tangenziale di Napoli S.p.A. 1,76%; RAV S.p.A. 0,90%; SALT S.p.A. 0,00%; SAT S.p.A. 0,90%; Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. 0,00%; SATAP S.p.A. Tronco A4 4,60%; SATAP S.p.A Tronco A21. 0,85%; SAV S.p.A. 0,00%; SITAF S.p.A. 0,00%; Torino - Savona S.p.A. 2,46%; Strada dei Parchi S.p.A. 1,62%; Bre.be.mi. 7,88%, TEEM 1,90% e Pedemontana Lombarda 0,90%.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , varie


Top