dalla Home

Attualità e Mercato

pubblicato il 2 gennaio 2017

5 cose che forse non sai sul prezzo della benzina

Su un pieno, quanto paghiamo di costo industriale? E di tasse? Si può risparmiare qualcosa?

5 cose che forse non sai sul prezzo della benzina

Il ministero dello Sviluppo economico svela un “Prezzo Italia”, elaborato e pubblicato ogni martedì sulla base dei dati rilevati il lunedì precedente. Rappresenta il prezzo medio ponderato delle compagnie petrolifere che operano in Italia, incluse le principali “pompe bianche” (no logo, si differenziano rispetto ai distributori tradizionali). E costituisce l’unica rilevazione ufficiale del prezzo dei carburanti da noi, effettuata sulla base di una procedura definita a livello comunitario. Ma alla fine, di quali voci si compone il costo di un litro di benzina? E come possiamo fare per sapere qual è il rifornimento più conveniente "in zona"? Scopriamolo insieme...

1) In una delle ultime rilevazioni (fine dicembre 2016), un litro di benzina è fissato in 1,509 euro di media. Valore che oscilla di poco di settimana in settimana, e che pare destinato a salire a partire dai primi mesi del 2017, visto che i Paesi Opec taglieranno la produzione di greggio.

2) L’accisa è di 0,728 euro per litro di benzina. Parliamo di tasse, alcune notoriamente “antiche”. Roba del secolo scorso!

3) Solo per fare qualche esempio, paghiamo queste accise: 1,9 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935-1936; 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980; 0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004; 0,04 euro per far fronte all'arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011; 0,02 euro per far fronte ai terremoti dell’Emilia del 2012.

4) In più, come se non bastasse, c’è l’IVA (Imposta Valore aggiunto) del 22%, ossia 0,272 euro per ogni litro di benzina. In definitiva, su 1,509 euro, ben 1,001 euro se ne vanno in tasse: un caso mondiale raro.

5) Una dritta. Osservaprezzi carburanti è il sito del ministero dello Sviluppo economico che permette di consultare in tempo reale i prezzi di vendita dei carburanti effettivamente praticati presso gli impianti di distribuzione situati nel territorio nazionale, così come comunicati dai gestori dei punti di vendita settimanalmente o nei casi di aumenti infrasettimanali. Nel dubbio, prima di fare rifornimento dal "solito" benzinaio... date uno sguardo!

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , carburanti


Top