Novità

pubblicato il 30 dicembre 2016

Motus MST-R 2017 in fibra di carbonio

Per i clienti nordamericani del Marchio, una preziosa Special Edition della sport-tourer MST-R

Motus MST-R 2017 in fibra di carbonio
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Motus MST-R 2017 fibra di carbonio - anteprima 1
  • Motus MST-R 2017 fibra di carbonio - anteprima 2
  • Motus MST-R 2017 fibra di carbonio - anteprima 3
  • Motus MST-R 2017 fibra di carbonio - anteprima 4

Al terzo anno di vita, Motus Motorcycles prosegue nella sua avventura commerciale, trainata dai due modelli sport-touring MST e MST-R. quest'ultima equipaggiata con l'ipertrofico propulsore V4 da 1.650 cc e 185 cv di potenza massima. E per dare ulteriore impulso alle proprie sorti, per il 2017 il Marchio rilancia forte dedicando agli appassionati nordamericani un’aggressiva special edition della MST-R realizzata con largo uso di fibra di carbonio, a partire dalle carenature e dai cerchi BST da 17’’.

Esclusiva anche nel prezzo

Per il resto, confermata la componentistica di prim’ordine già a bordo della MST-R, che vede svettare un robustissimo impianto frenante Brembo M4 con pinze monoblocco e le sofisticate sospensioni pluriregolabili interamente marcate Öhlins. Per l’esattezza, forcella NIX30 e mono posteriore TTX36. Insomma, un mezzo esclusivo in tutto, con scelte tecniche di gran pregio ed esplosivo nelle prestazioni. Forse non proprio in linea con i gusti europei ma fedele a quel tipico modo di fare americano di voler stupire con effetti speciali. Inutile dire che il costo, sebbene ancora non comunicato, non sarà certo alla portata di tutti i portafogli. Basti pensare che la Motus MST-R “standard” (modello da cui deriva questa carbon) vanta già un prezzo di listino di oltre 30.000 euro.

Touring, prima di tutto

Nonostante la dotazione meccanica quasi da sportiva di razza, però, le Motus Motorcycles MST e MST-R (e anche questa special edition in carbonio) - sella comoda, manubrio alto - rimangono comunque mezzi destinati soprattutto a fare chilometri su satrada. Come chiarito a suo tempo anche da Brian Case, uno dei soci fondatori del Marchio: "Da utenti motociclisti quali siamo, vogliamo che la Motus sia in grado di offrire un’esperienza di guida unica dalle 20 alle 90 miglia orarie, che sono le velocità normalmente usate da un appassionato. Anche grazie al pignone a smontaggio rapido la moto è stata testata fino a velocità elevatissime, ma noi ci siamo concentrati più su una corposa erogazione della coppia in un range di giri utilizzabile su strada che va dai 2.500 ai 7.500 giri/min".

Autore: Redazione

Tag: Novità , quadricilindriche , varie


Top