Special e Elaborazioni

pubblicato il 21 dicembre 2016

Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews

La streetfighter vintage dal design esclusivo

Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 1
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 2
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 3
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 4
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 5
  • Honda CBR “Angry Bird” by Wenley Andrews - anteprima 6

Siamo abituati a vedere special nate sulla base di moto classiche, magari datate, rimesse a nuovo e rese uniche dal tocco di genio del customizer di turno. In questo caso, invece, siamo di fronte a una realizzazione inedita quanto affascinante. La base di partenza della realizzazione di Wenley Andrews è, pensate, una Honda CBR954RR del 2004: una supersportiva. Che lui, con grande tenacia e gran gusto, ha trasformato in una café racer cattiva come poche altre, chiamata “Angry Bird”.

Niente carene, design minimal

Chiaramente della Honda CBR954RR del 2004 è rimasto ben poco, almeno dal punto di vista estetico. Il motore non ha subìto modifiche, pur essendo stato smontato e ricostruito con estrema cura. Le sospensioni sono invece state prese “in prestito” da una Honda VFR. Dietro spicca uno pneumatico da ben 240 (quello anteriore, pensate, è da 180…) montato su un cerchio dal design esclusivo, almeno quanto quello del forcellone monobraccio. Niente più carene, via tutto il superfluo. “Angry Bird” è spogliata di tutte le sovrastrutture e vestita con un nuovissimo serbatoio caratterizzato da feritoie, collegato a una sella monoposto con imbottitura in pelle con cuciture a contrasto arancione: una vera chicca.

Scarico originalissimo…

Per realizzare la coda snella e affusolata, con luce a LED integrata nel posteriore, è stato necessario un piccolo intervento al telaietto. Non passa inosservato il parafango anteriore completamente realizzato a mano, così come si fa notare la mascherina all’anteriore con un faro singolo di piccole dimensioni che fa da contrasto con la mole imponente della moto, del motore e del gommone posteriore. Nuovo è il manubrio largo che ha sostituito i semi-manubri, così come inediti sono gli indicatori di direzione. Completano il quadro il grosso scarico con i due terminali sotto la sella dalla forma originale e gli specchietti posizionati sotto al manubrio. Il tutto condito con una suggestiva colorazione bianca con finiture arancioni e una catena di colore giallo. Senza dimenticare la potenza di oltre 130 CV… (Credits photo: bikeexif)

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top