dalla Home

Special e Elaborazioni

pubblicato il 5 dicembre 2016

MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts

Una special davvero stupefacente che può piacere o meno, ma che di certo non lascia indifferenti

MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 1
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 2
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 3
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 4
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 5
  • MV Agusta Brutale 800 RR by Rough Crafts - anteprima 6

Con tutte queste special e custom in giro è diventato davvero difficile stupire, ma c'è ancora chi ha assi nella manica in grado di lasciare a bocca aperta, come il preparatore Rough Crafts di Taiwan che ha confezionato una MV Agusta Brutale 800 RR così particolare e personale da meritare un lungo applauso. Si chiama Ballistic Trident.

Estetica sorprendente

La base è partenza la si riconosce: il telaio a traliccio di tubi unito alle piastre e il motore a tre cilindri sono inconfondibili. Anche le quote rimangono le stesse, ma il bel forcellone originale è impreziosito da un mono Ohlins TTX e l'avantreno solido della versione RR sostituito con una forcella Ohlins FGR 800 e impianto frenante Beringer. Tutto il resto è stato ridisegnato con lo scopo di stupire.
Davanti è stata realizzata una strana carena: non è un vero cupolino, ma non è neanche un parafango e nemmeno una carena a campana stile anni '50. È un po' tutte queste cose, unite assieme, mixate a una verniciatura azzeccata e molto elegante e raccordata nella linea all'inedito serbatoio e al cupolino che culmina nel faro di serie, unico elemento estetico che segni il legame con il modello di origine.

Si può trasformare in naked

Su Bike Exif le parole del suo creatore: "il cupolino si può smontare per intero in pochi minuti, abbiamo disegnato anche un supporto per sostenere il faro nel caso qualcuno voglia guidarla su strada. La strumentazione è quella di serie, non abbiamo voluto perdere nessuna funzionalità, ma l'abbiamo spostata sul serbatoio in un incavo creato appositamente". In sostanza l'estetica si può rapidamente convertire da strana a naked classica.
L'ultima chicca sono i cerchi, studiati appositamente dalla Wukawa Industry per ispirarsi alle moto da gara del passato. In sostanza l'intera moto è un vero tributo al racing di un tempo, ma con un'attenzione allo stile e all'innovazione estetica che sconfina nell'esercizio artistico. A voi questo "ibrido" piace? Fatecelo sapere. 

 

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top