Sport

pubblicato il 25 novembre 2016

Gli italiani della Dakar 2017

Nella prossima edizione Botturi sarà l'unico italiano ufficiale, ma sono tanti i piloti tricolore nelle varie categorie

Gli italiani della Dakar 2017

La Dakar si avvicina! In questi giorni i piloti stanno portando i loro mezzi in Francia per poterli imbarcare e portare via mare fino in Sud America, dove a gennaio inizierà la tanto attesa edizione 2017 della corsa più tosta del mondo. Secondo il Direttore Sportivo Marc Coma, si tratta del percorso più estremo mai fatto nella Dakar d'oltreoceano, per questo c'è tanta attesa e molta incertezza su chi sarà il vincitore finale.

Botturi unico italiano ufficiale

Gli italiani non mancano, perchè tutto sommato questa gara ha sempre avuto rappresentanti tricolore di altissimo livello sia sulle auto che sulle moto, con tantissime vittorie. L'ultimo è stato il grande Meoni, ma anche negli ultimi anni si sono distinti diversi connazionali a partire da Alessandro Botturi, unico pilota italiano che corre con una moto ufficiale, la nuovissima Yamaha.
Il Bottu non è rider di punta ma portatore d'acqua dei suoi compagni. Nonostante ciò aspira a un posto privilegiato in top 10 come tutti ci auguriamo e come ha già dimostrato di poter raggiungere. Per Alessandro il gioco più è duro e più lui si diverte a giocare, quindi potrebbe essere l'anno dell'affermazione: “Punto a fare una gara intelligente e finire ogni giorno nei primi 10. In questa corsa la regolarità paga”.

Anche quelli (pazzi) che corrono da soli

L'edizione 2016 ha avuto una rivelazione: il 26enne Jacopo Cerutti, 12° posto finale con la sua Husqvarna e uno dei miglior rookies, mentre celebriamo anche il ritorno di Luca Manca, gravissimo dopo l'incidente del 2010 e ora perfettamente in forma per riprovari e compiere un'impresa epica.
A proseguire anche Simone Agazzi su Honda ex ufficiale, i debuttanti Alessandro Ruoso (già due volte campione del Mondo Baja 2013-14) e Domenico Cipollone. Osservati speciali i piloti della "Malle Moto", categoria riservata a quei piloti che corrono da soli, senza assistenza e con pochissimi ricambi... loro sono i veri eroi della Dakar, che non puntano alla classifica finale ma alla gloria e soddisfazione di chiudere la gara con un buon tempo: Manuel Lucchese, nostro tester off-road e terzo di categoria lo scorso anno sarà impegnato con la sua Yamaha, così come Franco Picco che a 61 anni è ancora in ottima forma. Last but not least Diocleziano Toia (4° nel 2016), Livio Metelli e Matteo Olivetto.

Autore: Redazione

Tag: Sport , anticipazioni , dakar


Top