Attualità e Mercato

pubblicato il 24 novembre 2016

Benelli aveva pagato, sentenza di fallimento annullata

La Corte d'Appello di Ancona revoca la sentenza del Tribunale di Pesaro, Benelli non fallisce e può continuare con le sue attività

Benelli aveva pagato, sentenza di fallimento annullata

Il brutto sogno di Benelli sembra essere finito. L'azienda italo-cinese è stata risvegliata dalla Corte d'Appello di Ancona, che ha revocato la sentenza del Tribunale di Pesaro del 19 luglio, nella quale si dichiarava il fallimento e il termine del deposito allo stato passivo entro il 26 settembre. All'origine, l'esposto del fornitore di sospensioni WP, che vanta un debito di oltre 100.000 euro con l'azienda.

Sentanza annullata, Benelli fuori dai guai

La battaglia della società è stata vinta e si possono finalmente lanciare i modelli presentati a EICMA: “Con grande soddisfazione siamo ad informarvi che la Corte d’Appello di Ancona ha revocato la sentenza con la quale era stato dichiarato il fallimento della società Benelli QJ srl, accogliendo il ricorso presentato dall’azienda.
Benelli coglie l’occasione per confermare il suo piano aziendale e la volontà di investire nello sviluppo e commercializzazione dei nuovi modelli, a cominciare da quelli presentati ad Eicma, tra cui Leoncino 500, TRK502, 302R e Tornado TNT, che arriveranno sul mercato nel corso del 2017″. 

In realtà aveva pagato

Ma come mai tutto è stato ribaltato? A quanto pare le dichiarazioni iniziali di Benelli sulla regolarità del suo stato finanziario erano veritiere. I giudici di Pesaro hanno stabilito che non esiste uno stato d’insolvenza e dunque manca la condizione fondamentale per dichiarare il fallimento di una società.
I 130.000 euro richiesti da WP per una fornitura di 9 anni fa, in realtà erano già stati saldati e - una volta provato - il tutto è stato semplicemente cancellato, come se non fosse mai successo. Quello che è difficile cancellare è il danno d'immagine subito dall'azienda, e probabilmente ci sarà un'azione legale per cercare di ottenere un risarcimento. 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , mercato


Top