Novità

pubblicato il 21 novembre 2016

Le piccole sportive sono davvero così economiche?

Se una cilindrata è bassa, dovrebbe essere anche economica, ma non è sempre così

Le piccole sportive sono davvero così economiche?
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • KTM RC390 2016 - anteprima 1
  • KTM RC390 2016 - anteprima 2
  • KTM RC390 2016 - anteprima 3
  • KTM RC390 2016 - anteprima 4

Le sportive 250/300 sono uno dei fenomeni del momento. Entrate di diritto nei sogni dei giovani diciottenni e dall'anno prossimo categoria del mondiale Superbike, si pongono come proposta d'ingresso nel mondo del motociclismo per chi ama le sensazioni forti e il look aggressivo, sostituendo di fatto quello che fino a poco tempo fa era il ruolo delle 600 depotenziate, che stanno quasi per scomparire. Ma chi compra una moto del genere, lo sa che andrà a spendere comunque un bel po' di soldini?

Non esistono quelle davvero economiche

Pensare a piccole sportive dalla cilindrata limitata fa venire in mente prodotti economici e alla portata di tutti, ma non è sempre così... diciamo quasi mai. Sul mercato ci sono proposte ormai collaudate come la Kawasaki Ninja 300, e altre che sono appena entrate nel giro, come la Benelli 302R che abbiamo visto a EICMA. In mezzo, altri modelli di sicuro rilievo per il segmento come la Yamaha R3, la KTM RC 390 e proposte leggermente più semplici nei contenuti come la GSX-R 250 (anche questa presentata a EICMA 2016) e la CBR 300 R.
Nonostante la varietà di modelli e proposte, però, non c'è una forbice di prezzo abbastanza ampia tale da differenziare una scelta davvero economica da una "premium". Per esempio fra le più prestazionali si passa dai 4.990 euro di Benelli 302R, moto con tanta componentistica "made in china", ai 5.740 euro della RC390 KTM, forse la più estrema delle piccole sportive a listino, mentre Kawasaki e Yamaha stanno fra i 5.400 e 5.500 euro. In questo caso ci sono quasi 800 euro di differenza fra gli estremi della stessa fascia, ma notiamo che anche nel segmento dalle prestazioni nettamente inferiori servono 4.800 euro per una CBR 300 R, vecchiotta e ormai in attesa di essere sostituita dalla nuova. In questa fascia inferiore si dovrebbe piazzare anche la nuova GSX-R 250, ma non abbiamo ancora il listino in mano. 

Prezzi vicini alla classe superiore

La sostanza è che l'utente che cerca una moto sportiva di cilindrata 250/300 davvero economica non ha scelta e se vuole risparmiare deve andare a parare su cilindrate inferiori o su altre moto che sportive non sono, come ad esempio la Suzuki Inazuma (listino 4.050 euro).
Non sappiamo se l'interesse sempre maggiore per questo nuovo mercato riuscirà a sbloccare anche prodotti realmente economici come quelli distribuiti in oriente e nel sud est asiatico, o se la concorrenza sempre maggiore spingerà ad abbassare i prezzi, ma per il momento in Europa una 300 sportiva di buon livello costa una manciata di euro in meno di moto di gamma superiore come le CB 500 di Honda 5.990 euro o la serie ER-6 di Kawasaki (6.390 euro, che però verrà sostituita a breve dalla Z650 e dalla Ninja 650 di cui non sappiamo ancora il prezzo), che si possono avere comunque per neopatentati. 

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 1
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 2
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 3
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 4
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 5
  • Yamaha R3 2015 - anteprima 6

Autore: Redazione

Tag: Novità , mercato


Top