Test

pubblicato il 28 febbraio 2008

nuovi Piaggio Porter - TEST

Grandi lavoratori di...piccola taglia!

nuovi Piaggio Porter - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 1
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 2
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 3
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 4
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 5
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 6

Vairano, Autodromo A.S.C. - Chi l'ha detto che Piaggio è solo due e tre ruote? La casa di Pontedera punta, e molto, anche verso i veicoli a quattro e lo fa “alla Piaggio”: mettendoci quindi il 110% delle proprie risorse per offrire il meglio del suo potenziale. I risultati di vendita, confermano l'interesse del pubblico nei confronti dei veicoli commerciali leggeri provenienti da Pontedera, tanto che, dal 2003 al 2006, la crescita del fatturato è stata ben del 66%. Proprio per questo motivo, Piaggio ha deciso di creare una nuova divisione unicamente dedicata a tali mezzi.

L'obiettivo è chiaro: conquistare l'ultimo miglio delle città, offrendo così la miglior soluzione alle esigenze di mobilità professionale e commerciale di corto raggio, grazie ad una gamma prodotti caratterizzata da veicoli compatti, maneggevoli, con elevata portata ed ecologici. Ambasciatore di questa mission, è il nuovo Piaggio Porter: veicolo commerciale leggero che, grazie a dimensioni compatte, grande manovrabilità ed una portata degna di veicoli più grandi ed ingombranti, può vantare oltre 100.000 unità vendute sino ad oggi.

Piccolo, maneggevole e capiente. Già queste tre qualità potrebbero bastare, ma i sempre maggiori livelli d'inquinamento delle città, stanno ponendo numerosi freni alla mobilità. Proprio per questo Piaggio aggiunge una marcia in più ai suoi prodotti, quella ecologica. Oltre ai tradizionali motori a basso impatto – tutti euro 4 -, il nuovo Piaggio Porter si arricchisce di una versione Eco-Power bifuel caratterizzata dall'alimentazione a benzina e GPL che si va ad affiancare alla già ricca gamma ecologica, composta da Green-Power (a metano) e Porter elettrico.
Porter Eco-Power consente una riduzione del 24% sui valori di idrocarburi e monossido di carbonio e del 16% sui valori di anidride carbonica, oltre che un risparmio medio per litro di circa il 40%.

A livello dinamico e di prestazioni non cambia ovviamente nulla, ma il valore aggiunto è la possibilità di poter circolare anche durante i giorni di blocco del traffico oltre che, ovviamente, l'accesso ai centri storici e alle ZTL. Il 1.3 litri a benzina da 47 KW a 5000 giri, garantisce un piacevole spunto ed è in grado di raggiungere la velocità di punta di 130 km/h. La frenata si dimostra molto potente anche a Piaggio Porter scarico, assicurando così un'ottima decelerazione anche a pieno carico. Il cambio, poi, molto morbido e discretamente preciso negli innesti, non fa certo rimpiangere una trasmissione automatica. Adatto a qualunque utilizzo, Piaggio Porter si distingue anche per la sua modulabilità, grazie a sette distinte versioni. La prima, Pianale e Pianale Maggiorato, è caratterizzata da sponde in lega apribili su 3 lati e dalla base del vano di carico a soli 76 cm da terra. Seguono le versioni a pianale ribaltabile e Maxxi: il più capiente della gamma grazie alle ruote gemellate sul ponte posteriore ed al passo lungo, in grado di assicurare una portata di oltre 1.100 Kg.

L'offerta continua poi con la versione Furgone e Furgone vetrato, particolarmente adatti al trasporto urbano di merci e persone. Il volume di carico è infatti di 3 metri cubi ed è offerto di serie con le porte scorrevoli su entrambi i lati.
Ultima versione è Chassis: rivolto al soddisfacimento delle più diverse esigenze professionali e vanta infatti oltre 50 allestimenti.

Tutte queste versioni, sono poi disponibili anche nella versione a trazione integrale Piaggio Porter Eco-Power, non si dimostra vantaggioso solo dal punto di vista della praticità e dell'ecologia, ma pensa anche al portafoglio.

Uscendo direttamente di fabbrica con la doppia alimentazione, Piaggio Porter beneficia al 100% del Contributo Governativo destinato ai clienti di 1.500 euro - contro i 350 per gli impianti aftermarket -simbolo dell'ecologia più raffinata è senza ombra di dubbio Piaggio Porter Electric-Power, un vero e proprio gioiellino per la mobilità professionale di cortissimo raggio. Grazie infatti ad un'autonomia di otre 100 km a pieno carico, il piccolo Porter elettrico si dimostra perfetto per i brevi tragitti cittadini, garantendo un rispetto totale dell'ambiente. Le prestazioni, anche in questo caso, sono di tutto rispetto: forti di uno spunto notevole e pronto.

SCARICA IL LISTINO DELLA NUOVA GAMMA PORTER

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 1
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 2
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 3
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 4
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 5
  • nuovi Piaggio Porter - TEST - anteprima 6

Autore: Matteo Sanavio

Tag: Test


Top