Novità

pubblicato il 7 novembre 2016

Honda CBR1000RR Fireblade 2017

Dopo le fascinose versioni SP e SP2, la superbike giapponese arriva anche in versione “standard”

Honda CBR1000RR Fireblade 2017
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Honda CBR1000RR 2017 - anteprima 1
  • Honda CBR1000RR 2017 - anteprima 2
  • Honda CBR1000RR 2017 - anteprima 3
  • Honda CBR1000RR 2017 - anteprima 4
  • Honda CBR1000RR 2017 - anteprima 5

Uno dei modelli che ha fatto brillare gli occhi degli appassionati all’ultimo Intermot di Colonia. Honda CBR1000RR si rinnova profondamente in versione 2017 e al fianco delle più sofisticate SP e SP2 ecco schierarsi ad EICMA anche la più “umana” Fireblade standard, che si propone ad un pubblico di appassionati più ampio, con la medesima qualità generale e qualche piccola rinuncia in termini di dotazione tecnica, a tutto vantaggio del prezzo d’acquisto. Basti pensare che l’elettronica a bordo è la medesima della versione SP, ad esclusione delle sospensioni semiattive e del quick/down shifter, mentre l’estetica è esattamente uguale, con la bella carenatura da “miss” e linee affilate da vera sgranocchiacordoli.

Motore e ciclistica

Il 4 cilindri, cuore pulsante della rinnovata sportiva della Casa dell’Ala, eroga una potenza massima di 192 Cv a 13.000 giri/min (con un incremento di circa 11 Cv rispetto al modello precedente). Un dato che, unito alla drastica riduzione di peso - ora pari a 195 Kg con il pieno - propone un rapporto peso/potenza migliorato del 14% rispetto al passato. Per quanto riguarda la ciclistica, oltre al telaio riprogettato per una rigidità bilanciata e al forcellone più rigido, il comparto sospensioni si avvale di una forcella Showa BPF da 43 mm e di un mono, sempre Showa, del tipo BFRC, ovvero Balance Free Rear Cushion. L’impianto frenante, invece, sfrutta energiche pinze Tokico del tipo senza perni di bloccaggio pastiglie. Non manca, poi, l’utilizzo di materiali pregiati per la componentistica, come testimoniano il serbatoio e lo scarico in titanio. Non mancano i fari full LED e un sofisticato cruscotto TFT a colori.

Elettronica

Completa, poi, la dotazione elettronica, che propone tutto quel che ci si aspetta su una moderna superbike. A partire dalla piattaforma inerziale IMU a 5 assi, passando al ride by wire 'throttle by wire', al selettore di Riding Mode (dotato di mappe Fast, Fun, Safe, User 1&2), al selettore di potenza (Power Selector), al controllo trazione HSTC (wheelie control + rear lift control) fino al sofisticato abs 'cornering' e al freno motore regolabile. Nuovo anche l’ammortizzatore di sterzo elettronico HESD.

Autore: Redazione

Tag: Novità , quadricilindriche , eicma 2016


Top