Special e Elaborazioni

pubblicato il 2 novembre 2016

BMW R100 RS by Luka Cimolini

Una special slovena nata dalla fantasia di un graphic designer stanco delle solite cafè racer

BMW R100 RS by Luka Cimolini
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 1
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 2
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 3
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 4
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 5
  • BMW R100 RS by Luka Cimolini - anteprima 6

Le special e cafè racer classiche hanno stancato, sempre uguali a se stesse e a tutte le altre, così alla moda e diffuse da aver perso tutta l'originalità ed esclusività di un movimento nato come ribellione dagli standard motociclistici, e ora fin troppo omologato. Dal minestrone delle moto vintage, però, una sembra percorrere una strada completamente opposta: è la BMW R100 Reise Custom di Luka Cimolini.

Come ti reinvento la R100 RS

Il suo creatore è un graphic designer che non ne poteva più di queste cafè racer stile '60 e '70, così ha deciso di ispirarsi al decennio seguente e l'ha fatto con un pizzico di azzardo, partendo da una R100 RS, ovvero una delle sport-touring più apprezzate degli anni '80.
Intervistato e fotografato da Bike Exif, Luka ha descritto così la sua ispirazione: "disegnare e costruire è la mia passione e un modo di occupare il tempo libero. Ho un piccolo garage in Slovenia e lì ci costruisco le mie special, lontano dal computer e dal mondo. Quando faccio una moto, la uso tutta l'estate, poi la vendo per investire i soldi in un nuovo progetto." 

In quanto ad abilità, questo ragazzo non si può di certo considerare un tuner amatoriale. La sua RS dell'87 ha ricevuto una bella ripulita, prima di essere migliorata con un forcellone posteriore monolever con singolo ammortizzatore a destra della WP. I freni sono Magura, i cerci originali ma riverniciati. Le modifiche meccaniche, invece, si limitano a un nuovo sistema di aspirazione con cornetti classici al posto dell'airbox. 

Poche modifiche, ma molto sapienti

Appena sopra, un telaietto interamente realizzato am ano sorregge un piccolo codino che richiama le forme dell'originale, ma in modo molto più compatto, mentre il serbatoio rimane quello di serie. La chicca è la carena anteriore, che mantiene il faro tondo con lente quadra del cupolino "a pipistrello", ma sparisce il grosso plexi e prende forme inedite. Incredibile come può cambiare il look semplicemente tagliando un pezzo originale. 
Ovviamente è la verniciatura a rendere il tutto un po' più speciale, con una doppia striscia nera e azzurra che attraversa il bianco seguendo l'intero profilo delle sovrastrutture. La strumentazione originale viene affiancata da un piccolo pannello in alluminio con indicatori digitali. Che ne pensate? Potrebbe essere un primo esempio della nuova tendenza special sugli anni '80?

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top