Attualità e Mercato

pubblicato il 31 ottobre 2016

Roma vieta la circolazione ad auto, moto e scooter Euro1

Dalla delibera del commissario nel 2015 all'ordinanza comunale della Raggi. 140.000 mezzi non potranno circolare più dentro il Raccordo Anulare

Roma vieta la circolazione ad auto, moto e scooter Euro1

Un'ordinanza del sindaco di Roma, Virginia Raggi, renderà effettiva a partire da 1° novembre la delibera della gestione commissariale del prefetto Tronca del 2015, che sancisce il divieto permanente di circolazione a tutti i mezzi a benzina Euro1 e diesel Euro1 e Euro2, ad esclusione del sabato e della domenica, nell'area ZTL-Fascia Verde della Capitale. Secondo l'ACI, ben 140.000 mezzi a motore non potranno più circolare nell'area interna al Grande Raccordo Anulare, ad esclusione di 4 zone.

Tutti fermi, inquinate troppo

C'è chi si sta indignando e chi invece trova l'ordinanza un primo passo avanti verso lo "sblocco" del traffico e dell'inquinamento romano, ma in tutti i modi è un provvedimento che fa discutere. Traffico e salute dei romani sono le motivazioni avanzate dall'urgenza di questo provvedimento, in effetti materiale particolato (pm10) e al biossido di azoto (n02) sono sempre oltre i valori minimi e la Commissione Europea ha avviato una procedura di infrazione all'intera nazione per questo. 
Le targhe alterne più volte attuate in città non sono bastate, come commenta Muraro, assessore all'Ambiente: "Abbandoniamo la logica delle targhe alterne a beneficio di un piano oculato di lavaggio delle strade e di una rimodulazione del riscaldamento degli edifici".
Il divieto sarà attivo dal 21 novembre 2016 al 31 marzo 2017 dal lunedì al venerdì (24h/24h), con esclusione del sabato, della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali. Ovviamente all'interno del divieto non ci sono solo auto, ma anche mezzi a due ruote, nonostante sia risaputo che questi consumano molto meno delle macchine, anche a parità di classe d'inquinamento. 

Gli esentati dal divieto

Esentate dal divieto saranno soltanto le auto con pass invalidi, veicoli delle forze dell'ordine, auto dei corpi diplomatici e della Città del Vaticano, veicoli per trasporto medici, trasporto pubblico, mezzi per trasporto rifiuti e della protezione civile, veicoli per i cortei funebri. I motorini e i mezzi a due ruote Euro1, infine, saranno bloccati dal 1° novembre 2017 al 31 ottobre 2017. 
Per chi si sposta su due ruote, in pratica, non c'è alcuna distinzione, anzi si troverà a piedi addirittura prima dei colleghi automobilisti. Non ci resta che capire quanto effettivamente questo blocco radicale di tantissimi mezzi influenzerà la mobilità cittadina. I trasporti pubblici di Roma, come sappiamo, hanno parecchi problemi e ci sarà un sovraffollamento di metro, bus e treni.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , codice della strada


Top