Special e Elaborazioni

pubblicato il 13 ottobre 2016

Ducati Monster café racer? Si può fare

Un Monster 1100 trasformato dal noto customizer Walt Siegl

Ducati Monster café racer? Si può fare
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 1
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 2
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 3
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 4
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 5
  • Ducati Monster Leggero GTS - anteprima 6

Può un Ducati Monster essere trasformato in una appetibile café racer? La risposta è sì e ci arriva direttamente da questa realizzazione del noto customizer Walt Siegl. Si tratta di un Monster 1100 del 2012 di cui, a lavoro compiuto, si riconosce ben poco.

In origine un Ducati Monster 1100

Tutto stravolto, o quasi. A cominciare dal telaio, rivisto e rinforzato in più parti, per rendere questa special unica nel suo genere. Rispetto al Monster originale, dunque, cambiano forma, linee e stile, ma non le quote ciclistiche: il customizer ha voluto mantenere una posizione comoda, evitando l’uso di semimanubri che avrebbero comportato una posizione più caricata sull’avantreno. I segni distintivi di questo Ducati Monster Leggero GTS sono senza dubbio l’ampia carenatura anteriore con faro tondo integrato, il serbatoio sagomato, il forcellone monobraccio e la sella monoposto caratterizzata da una coda che ricorda le vecchie moto da corsa. Tutto verniciato in tre colori, per un aspetto sportivo e vintage allo stesso tempo.

Look ma anche performance

Non solo estetica. Walt Siegl ha voluto creare una moto fashion che però avesse tra i suoi punti di forza anche quello legato alle performance. Per contenere il peso della moto ha infatti utilizzato prevalentemente materiali leggeri: alluminio, carbonio e Kevlar. Per migliorare le prestazioni su strada ha poi scelto Ohlins per il reparto sospensioni, Oz per le ruote e un sofisticato sistema di iniezione per il motore, oltre a uno scarico completo SC ottimizzato e realizzato ad hoc per adattarsi al nuovo telaio. Ed è stata, infine, riprogrammata la centralina per poter consentire al bicilindrico di offrire il massimo delle performance, soprattutto ai bassi regimi. Insomma, bella da vedere. E, sicuramente, anche da guidare…

Credits photo: bikeexif

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special , vintage


Top