Test

pubblicato il 10 settembre 2016

BMW R 1200 RT: Perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Il test di una vera macina-chilometri, una delle icone indiscusse del segmento maxi-touring

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 1
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 2
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 3
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 4
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 5
  • BMW R 1200 RT 2014 - TEST - anteprima 6

Quando l’estetica non è tutto. O meglio, quando il fascino è preponderante. Perché forse la BMW R 1200 RT non sarà di quelle moto che rapiscono al primo sguardo o che ti fanno voltare per strada, ma la sua personalità e l’innata eleganza sono universalmente riconosciute. Proprio come il piacere di guida offerto dall’infaticabile 2 cilindri boxer. Al punto di essersi guadagnata, con gli anni, un posto d’onore tra le preferenze dei superviaggiatori, ovviamente su asfalto, alla ricerca di un mezzo confortevole nei lunghi trasferimenti ed efficace sui percorsi guidati. Ma il vero successo della RT è probabilmente la capacità, tutt’altro che scontata per una grossa tourer, di risultare facile e sfruttabile anche nel day by day.

Cosa piace… e cosa no!

Un mezzo che punta forte sulla personalità, sulle doti dinamiche e sul comfort. E se in fondo, un bel posto in prima classe per pilota e passeggero (su un mezzo così) te lo aspetti, diverso è ritrovarsi tra le mani una moto insospettabilmente agile e reattiva tra le curve, a fronte di un peso (in ordine di marcia) di 274 kg. La RT è sempre pronta ad infilarsi in ogni spirale, con reazioni prevedibili e rassicuranti a tutto vantaggio del feeling di guida… un vero invito ad osare! Anche se, nei rapidi cambi di direzione - soprattutto col pieno di benzina - lo spostamento di carico si fa sentire, ma la rigorosità della ciclistica, l’eccellente modulabilità dell’impianto frenante e l’ottima distribuzione dei pesi rendono tutto sorprendentemente facile e naturale.

Passando alle note dolenti, se si esclude qualche leggera vibrazione al manubrio giunti alla soglia dei 5.000 giri (nulla di serio) non c'è molto da rilevare. Solo il prezzo di listino risulta particolarmente “impegnativo”. A fronte di un’innegabile qualità costruttiva, di base la BMW R 1200 RT viene 18.900 euro chiavi in mano e offre di serie il computer di bordo Pro, il parabrezza regolabile elettronicamente e le manopole riscaldabili. Ma se si desidera una moto superaccessoriata come l’esemplare in prova, occorre prepararsi a vedere salire vertiginosamente i costi: i pacchetti “Comfort”, “Dynamic” e “Touring” fanno aumentare il prezzo di oltre 2.500 euro. Se poi non si vuole rinunciare all’impianto stereo… altri 1.100 euro e passa la paura!

Autore: Diego D'Andrea

Tag: Test , test , prove , video


Top