Special e Elaborazioni

pubblicato il 9 settembre 2016

Yamaha SR400 by Krugger

Curata nel dettaglio e minimale nell'estetica. Ha anche il compressore volumetrico!

Yamaha SR400 by Krugger
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 1
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 2
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 3
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 4
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 5
  • Yamaha SR400 by Krugger - anteprima 6

Il programma Yard Built di Yamaha ci ha già proposto decine di special interessanti. L'idea di mettere nelle mani dei più abili preparatori del mondo le ultime novità del listino ha dato i suoi frutti, e ci si potrebbe realizzare una vera e propria grande esposizione con tutte moto customizzate riconosciute ufficialmente da Iwata. Fra le ultime nate c'è la SR400 di Krugger, trasformata in una racer minimale dal dettaglio ricercato. 

La piccola con il compressore!

Il belga ormai famoso nel mondo ha scelto il palcoscenico del Wheels & Waves 2016 per mostrarla al pubblico, stupendo per l'estetica decisamente curata e per la scelta di dotare la moto di sovralimentazione. Se si aguzza la vista, si nota nella parte frontale destra del motore un compressore volumetrico Aisin 300, che spinge l'aria dentro il carburatore S&S con collettore da 48 mm per aumentare potenza a prestazioni. Tecnicamente è in contrasto con la natura semplice e old style della moto, ma a conti fatt un po' di potenza in più sulla SR non guasta di certo. 
Il telaio di serie è stato modificato nelle quote, aumentando l'interasse e accorciando la parte posteriore che regge la sella, ora perfettamente sagomata per ospitare il codino inedito. Il risultato estetico è pulito e semplice, con serbatoio (originale modificato) e sella che sembrano poggiate sul letto di metallo nero lucido. 

Bassa e lunga, ispirata a un ingegnere

La forcella è stata sfilata parecchio per dare una linea più bassa e ha gli steli satinati, mentre al posteriore sono stati montati due ammortizzatori Fox. Il freno anteriore è Beringer e tutti i comandi sono stati realizzati artigianalmente. Gli pneumatici vintage sono Dunlop K82 e TT100.
Ci piace un sacco anche il cupolino: una piccola unghia che circonda il proiettore dal diametro ridotto, mentre la colorazione è una delle chicche speciali di questa moto. Lo stile della grafica è il famoso "speedblock", ma sposa il bianco con il celeste, iscrivendo all'interno di ogni blocco i nomi dei campioni con cui ha collaborato Bernard Ansiau (la moto è dedicata a lui), ingegnere di pista storico del Motomondiale e attualmente tecnico di Valentino Rossi. Cosa ne pensate del risultato? Secondo noi è una delle più belle SR400 mai realizzate!

 

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top