Special e Elaborazioni

pubblicato il 7 settembre 2016

Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers

Si ispira alle Fat Bike, mostrando muscoli e personalità

Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 1
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 2
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 3
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 4
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 5
  • Ducati Scrambler by Down & Out Café Racers - anteprima 6

Non è certo una novità che la Ducati Scrambler si presti molto bene a personalizzazioni e a esercizi di stile, ma una realizzazione così stravagante e accattivante non l’avevamo mai vista prima. Il risultato del lavoro svolto dai ragazzi di Down & Out Café Racers sulla best seller dal marchio bolognese è notevole. Da moto classica e vintage, la Scrambler è diventata una “Fat MotorBike”.

Il richiamo alle Fat Bike

Sono infatti i grossi pneumatici – che richiamano le Fat Bike sempre più di moda in questo periodo – a caratterizzare principalmente questa Scrambler. Il tassellato di generose dimensioni le dà un aspetto molto imponente. Le ruote sono da 17’’, le gomme 180/55. Inevitabilmente si è dovuti intervenire sulla forcella e sull’attacco delle ruote. Non è stato stravolto lo “scheletro” della moto. Il posteriore è stato ridisegnato e personalizzato, mantenendo intatto il telaio. La sella è stata realizzata ad hoc e rivestita in pelle e non si estende lateralmente come accade su quella originale; per coprire lo spazio restante sono state applicate delle plastiche scure.

Accessori Rizoma e non solo

Nuovi sono il piccolo parafango anteriore e il faro circolare coperto da una griglia. Ogni piccolo dettaglio è stato studiato nel dettaglio e molte parti sono state prese dal catalogo Rizoma: dal serbatoio del freno, alle leve freno e frizione, passando per copricatena, coperchio pignone e protezioni per la forcella. Al posteriore si fa notare un mono Öhlins, mentre il terminale, bello possente, è stato realizzato da un’azienda americana. Infine, non possiamo non menzionare il serbatoio completamente riverniciato e “adornato” con tutti i nomi dei marchi utilizzati nella realizzazione di questa special. Una ulteriore chicca? L’installazione del sistema di accensione senza chiave. E non è solo l’occhio a giovarne: perché questa Scrambler, così accessoriata, si guida anche molto bene. Parola dei preparatori…

VIA| Bikeexif

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top