Novità

pubblicato il 29 agosto 2016

VanderHeide: motore Aprilia e tiratura limitatissima

Una piccola serie con telaio monoscocca in carbonio e ciclistica davvero originale. Ne verranno prodotte solo 25

VanderHeide: motore Aprilia e tiratura limitatissima
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • VanderHeide - anteprima 1
  • VanderHeide - anteprima 2
  • VanderHeide - anteprima 3
  • VanderHeide - anteprima 4
  • VanderHeide - anteprima 5
  • VanderHeide - anteprima 6

Nel mondo esistono tanti piccoli costruttori di moto, alcuni di questi capaci di stupire tutti e realizzare moto che sono icone di stile e tecnica. VanderHeide è un brand che non avevamo ancora sentito, arriva dall'Olanda e nell'ultimo periodo ha sviluppato una moto così particolare da doversi togliere il cappello. È preziosa ed esclusiva, nonchè bella e particolare.

Il tripudio della fibra di carbonio

Il debutto in società è avvenuto al Festival of Speed di Goodwood, ma non è stata subito notata dagli appassionati. Questa moto ha un cuore tutto italiano, Aprilia RSV4, V4 60° da 999cc capace di di circa 200 CV in configurazione standard e ben 230 CV con il kit non omologato per la guida in pista.
La parte interessante è la ciclistica, con una monoscocca in carbonio che funge da telaio e da sovrastruttura, che fa un po' il verso al monoscocca della mitica Britten V1000. All'interno del telaio è alloggiato il serbatoio, ma nella parte centrale è presente - in bella vista - il monoammortizzatore Ohlins collegato tramite leveraggi alla forcella di tipo Fior, anche questa in carbonio come del resto il forcellone. Un vero e proprio pezzo d'arte meccanica che dà la possibilità di godersi il lavoro della sospensione mentre si guida... una vera chicca! Il peso è limitato a 175 kg.

Giocattolo per collezionisti

Questo tripudio di fibra (anche i cerchi lo sono) è riservato a pochi. La VanderHeide viene realizzata artigianalmente e la tiratura sarà limitatissima: 25 esemplari previsti, tutti su ordinazione che la vogliate da strada o da pista. Prezzo proibitivo per la maggior parte degli esseri umani, servono 150.000 euro. Sicuramente diventerà un altro di quei mezzi che i proprietari di grandi collezioni si contenderanno, e che serviranno come investimento futuro destinato a crescere con il passare degli anni. 

Autore: Redazione

Tag: Novità , anticipazioni


Top