Attualità e Mercato

pubblicato il 16 agosto 2016

Multe: i Comuni con Equitalia sino a fine 2016

Ennesima proroga a favore dei Comuni

Multe: i Comuni con Equitalia sino a fine 2016

In materia di vecchie multe da Codice della Strada (e non solo), i Comuni vincono ancora. E vincono facile. Hanno appena ricevuto dal Governo Renzi la proroga per continuare ad appoggiarsi a Equitalia al fine di farsi pagare i debiti dai cittadini: cartelle esattoriali per verbali non versati o per altre tasse.

Altro che burocrazia snella

Eppure, il Governo del 2011, tramite Decreto, mirava a snellire la burocrazia elefantiaca italiana: i Comuni non avrebbero più dovuto affidare a Equitalia il servizio di “accertamento, liquidazione e riscossione, spontanea e coattiva, delle entrate, tributarie o patrimoniali, dei Comuni e delle società da essi partecipate”, optando per la riscossione diretta o l'affidamento a terzi tramite gara pubblica. La scadenza iniziale perché questa “rivoluzione” avvenisse era stata fissata inizialmente al 1° gennaio 2012, ma si è andati avanti di proroga in proroga, complici tutti i Governi dal 2011 a oggi. Sino a quella dell’Esecutivo Renzi.

Non ce l’avrebbero fatta

Ma perché l’ennesima proroga? L’accoppiata Comuni-Equitalia doveva terminare a fine giugno 2016. Solo che i Comuni non ce l’avrebbero fatta a riscuotere i vecchi crediti, per problemi di disorganizzazione interna, mancanza di norme, procedure, persone adatte allo scopo. Insomma, un caos politico-amministrativo da mettersi le mani nei capelli.

Li aveva avvisati

D’altronde, in un’audizione parlamentare, lo stesso amministratore della società di riscossione, Ernesto Maria Ruffini, dichiarò: “La situazione attuale vede Equitalia chiamata a svolgere un ruolo di mera supplenza in attesa che il Comune provveda a organizzarsi e lasci quindi all'iniziativa dei singoli enti l'impronta da dare alla riscossione locale. Il risultato è un sistema frammentato, privo, a differenza di quello che avviene in altri Paesi, di un modello organizzativo valevole su scala nazionale. A mio avviso, è ora che il problema sia affrontato senza continuare a rinviare la soluzione”. Ce la farà il premier Matteo Renzi a tener fede alla propria promessa, ossia liberarsi di Equitalia per affidarsi all’Agenzia delle Entrate? I passi del suo Governo vanno nella direzione opposta, tanto che i disegni legge del MoVimento Cinque Stelle per abolire Equitalia sono stati stroncati in Parlamento...

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , curiosità , multe


Top