Attualità e Mercato

pubblicato il 13 luglio 2016

Moto e buche: una querelle infinita

Il gestore della strada dovrebbe essere tenuto a pagare il danno. Intanto la Cassazione stanga i comuni

Moto e buche: una querelle infinita

Una moto cade in una buca in città? Il Comune, quale gestore delle strade, è responsabile. A meno che provi il caso fortuito, ossia di aver fatto tutto il possibile per evitare l’evento. Lo ha appena ribadito la Cassazione, con sentenza 11802/2016. Tutto nasce da una richiesta di risarcimento avanzata da un uomo alla guida di un ciclomotore che, nel 2010, riportò danni a seguito di una caduta. Sulla strada, per la precisione (ma il principio non cambia) c’era una grata, definita anche caditoia d'acqua.

Gli Ermellini in difesa del guidatore

Il Comune deve pagare i danni al centauro: a carico dei gestori delle strade (e delle autostrade ) è configurabile la responsabilità per cosa in custodia, disciplinata dall’articolo 2051 del Codice civile, essendo possibile ravvisare un'effettiva possibilità di controllo sulla situazione della circolazione e delle carreggiate, riconducibile a un rapporto di custodia. Al fine di garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione, gli enti proprietari sono tenuti a provvedere alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonché delle attrezzature, impianti e servizi. Poi devono badare al controllo tecnico dell'efficienza delle strade e relative pertinenze, nonché all'apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta.

Morale

In caso di sinistro avvenuto su strada, dei danni conseguenti a omessa o insufficiente relativa manutenzione il proprietario o il custode risponde, paga i danni. Unica eccezione: dare la prova del fortuito. Ossia una manutenzione costante, un monitoraggio completo. E magari da unire a una qualche imprudenza da parte del guidatore, che conducendo il mezzo più lentamente avrebbe potuto non cadere. Se c’è un’insidia, un trabocchetto, il cittadino ha diritto al rimborso, sia dei danni alla moto sia delle lesioni fisiche.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , varie , sicurezza


Top