Attualità e Mercato

pubblicato il 5 luglio 2016

Shell Advance Ultra PurePlus: un olio rivoluzionario?

La tecnologia PurePlus è derivata dal gas naturale e non dal petrolio, questo porterebbe la qualità e la purezza su nuovi standard

Shell Advance Ultra PurePlus: un olio rivoluzionario?

Shell è partner tecnico di Ducati da tantissimi anni, il loro sodalizio nelle competizioni MotoGP e Superbike ha portato a sviluppare i prodotti dedicati alle moto come i lubrificanti Shell Advance e i carburanti della serie V-Power, e non poteva che esserci palcoscenico migliore del WDW 2016 per presentare un prodotto che annunciano come rivoluzionario: il nuovo olio Shell Advance Ultra con PurePlus Techology.

Un prodotto davvero rivoluzionario?

Il nome è abbastanza lungo e complicato, ma il modo in cui si è arrivati al prodotto finale lo è ancora di più. Si tratta del primo olio lubrificante che non deriva dal greggio ma che parte da un olio base sintetico cristallino ed essenzialmente privo d’impurità a partire dal gas naturale.
Questa soluzione, sviluppata in anni di ricerca e nelle competizioni, ha una composizione molecolare omogenea che garantisce una purezza superiore e una maggior resistenza all'ossidazione. Inoltre ha una ridotta volatilità e migliore fluidità alle basse temperature. Tutto questo si traduce in un prodotto che garantisce performance maggiori su tutte le qualità principali dell'olio.

Un olio che dura di più e conserva il motore

La lunga spiegazione che ci è stata fatta dal tecnico di Shell, ha portato sul tavolo un confronto reale con gli oli della concorrenza, ma senza entrare troppo nello specifico di questo o quel prodotto, ci limiteremo a spiegarvi quali sono i reali vantaggi che si possono trarre da questa nuova tecnologia. 
Shell ha condotto numerosi test che confermano la tenuta delle prestazioni del motore nel tempo grazie alla tecnologia PurePlus: la purezza e la capacità di essere sempre fluido anche alle basse temperature sforza meno il motore e non induce perdite di potenza, oltre a limitare i depositi sulle parti meccaniche aumentandone l'affidabilità, in sostanza il più lento deterioramento del prodotto garantisce performance elevate più a lungo. Riguardo quest'aspetto, viene dichiarato un intervallo di circa 6.000km dal primo funzionamento all'inizio del deterioramento, circa il doppio rispetto a un olio derivato dal petrolio. 

Minor consumo di carburante

Uno degli aspetti più interessanti in assoluto è quello relativo alla diminuzione dei consumi di carburante. Con l'Advance Ultra PurePlus viene promessa una riduzione dei depositi che causano la diminuzione del rendimento del motore, per questo i consumi scendono e si possono percorrere fino a 5 km in più con un solo litro di carburante
Potrebbe trattarsi realmente di una rivoluzione nel mondo dei lubrificanti, sia perchè si tratterebbe di un passo avanti epocale nella qualità del prodotto, sia perchè il gas naturale è un'elemento molto più ecosostenibile del petrolio. Shell è convinta che i concorrenti arriveranno a questi livelli di tecnologia solo nel 2050, qualcuno prenderà al volo questa sfida!

 

 

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , anticipazioni , lubrificanti


Top