Test

pubblicato il 25 giugno 2016

Suzuki V-Strom 650 XT ABS Fun Ride: Perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Giramondo di media cilindrata, che non teme viaggi impegnativi, buona anche sulle strade di tutti i giorni...

Una moto che trasmette solidità sin dal primo sguardo. Suzuki V-Strom 650 XT ABS si propone come la più piccola tra le enduro-tourer sul mercato, ovvero mezzi capaci di affrontare viaggi impegnativi su qualunque tipo di terreno... o quasi. Nel 2016, la Casa giapponese ha presentato l'interessante allestimento Fun Ride che, grazie ad alcuni accessori proposti di serie (come valigie laterali in alluminio, puntale inferiore e paramani), è bell'e pronto per partire all'avventura. Ma la forza di questo modello, oltre all'infaticabile 2 cilindri, è soprattutto il carattere eclettico.

Dal tragitto casa lavoro...

... Alle bianche scogliere di Dover. Un mezzo davvero polivalente che piacerà molto a chi è in cerca della classica compagna fedele, solida e che non ti mette mai in difficoltà, sia in viaggio che nella vita di tutti i giorni. Il tutto, senza doversi sobbarcare l'impegno e i costi di una maxi da turismo. Infatti, non solo si tratta di una delle macinachilometri meno "assetate" di carburante in circolazione, ma al prezzo di 9.150 euro, l'accessoriata Suzuki V-Strom 650 XT ABS Fun-Ride (che ricordiamo ha già di serie le valigie, il puntale e i paramani) rappresenta una scelta pouttosto interessante per lanciarsi subito all'avventura... spendendo il giusto.

Due cilindri DOC

Cuore pulsante di questo modello è il sempre verde 2 cilindri da 645 cc. In grado di esprimere una potenza massima di 69 Cv a 8.800 giri/min e una coppia di 60 Nm a 6.400, riprende bene sin dai regimi più bassi, senza strappi o incertezze... con una bella progressione lungo l'intera scala del contagiri. Allungo compreso, sebbene risulti poco utile, a conti fatti, tirargli il collo ad ogni cambiata. Azzeccata, soprattutto in ottica “travel”, la scelta di prevedere una sesta marcia "overdrive", che consente di tenere opportunamente basso il numero di giri ad esempio durante i percorsi autostradali o le lunghe trasferte.

Più e meno...

Facile, comoda, sincera e accogliente. In sella ci si diverte senza troppo impegno. Certo, la potenza in campo non è di quelle strappa-braccia ma il due cilindri ti fa danzare tra le curve con il giusto brio. I cambi di direzione non sono fulminei ma neanche lenti... l'effetto giroscopico della ruota da 19'' quasi non lo senti e in inserimento e percorrenza il feeling con l'anteriore non viene mai meno.
Non convince fino in fondo, invece, la frenata... sì modulabile, ma un po' troppo poco incisiva nella prima parte della corsa della leva, mentre gli specchietti laterali presentano un design un po' datato. Su un allestimento dedicato ai viaggi e all'avventura, poi (anche alla luce del prezzo), il cavalletto centrale potrebbe essere proposto di serie e non in optional. Curiosi di saperne di più? Schiacciate play e buona visione!

Autore: Diego D'Andrea

Tag: Test , test , prove , video


Top