Attualità e Mercato

pubblicato il 30 maggio 2016

Mahindra mette gli occhi su Norton e BSA

Secondo l'Economic Times, il colosso indiano potrebbe acquistare i due più importanti marchi della storia motociclistica inglese

Mahindra mette gli occhi su Norton e BSA
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 1
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 2
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 3
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 4
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 5
  • Norton Commando 750 PR - anteprima 6

Un grande marchio indiano interessato all'acquisto di un brand automotive europeo, un copione che conosciamo già. L'ultima indiscrezione pubblicata dall'autorevole Economic Times, rende noto l'interesse del colosso Mahindra verso due marchi importanti del motociclismo inglese e della storia delle due ruote: Norton e BSA.

Un altro pezzo di Europa che se ne va?

Mahindra è un brand in costante crescita anche fuori dai confini indiani. In Europa ha già messo le mani su Peugeot Scooters e da diversi anni è impegnata nel Motomondiale, categoria Moto3, dove ha ottenuto anche discreti risultati. L'interesse verso l'acquisto di un nome importante del settore sarebbe stato il passo sucessivo, ma Mahindra se ne vuole portare a casa due in un sol colpo.
Norton non è un'azienda in crisi, ma nemmeno florida: da poco ha ricevuto sovvenzioni importanti dallo stato e ha ampliato la sua sede di Donington, però non arrivano ancora i frutti di questi nuovi investimenti e i modelli in listino sono sempre quelli su base Commando 961. BSA, al contrario, non è in attività ma è ancora un nome pesante per il motociclismo mondiale, oltre che un pezzo di storia d'Inghilterra.

Gli indiani potranno fare bene

Un'acquisizione di questo genere, con l'uscita dall'Europa della proprietà di due marchi così storici, potrebbe non essere un danno così grosso. Mahindra & Mahindra è un colosso che sa come affrontare queste situazioni e ha dalla sua una concorrenza che sa indicare la giusta strada: basta vedere le fantastiche auto che Land Rover e Jaguar producono dopo l'acquisizione da parte di Tata Motors, o lo slancio produttivo che Bajaj ha dato a KTM negli ultimi anni. Insomma, possiamo aspettarci solo belle cose da questo probabile nuovo sodalizio, che di sicuro non trasformerà dei pezzi di storia in comuni produttori di moto economiche.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , anticipazioni


Top