Test

pubblicato il 2 maggio 2016

Peugeot Scooters Tweet Paris e Double Black - TEST

Siamo stati alla presentazione delle nuove versioni, una più chic e l’altra più aggressiva, del ruote alte francese

Peugeot Scooters Tweet Paris e Double Black - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 1
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 2
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 3
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 4
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 5
  • Test Peugeot Tweet Paris e Double Black - anteprima 6

Paris, come la città simbolo di stile ed eleganza. Non poteva che chiamarsi così una delle due nuove declinazioni dello stiloso scooter a ruota alta Peugeot. Lanciato sul mercato nel 2010, il Tweet ha subito riscosso un grande successo, superando in soli 5 anni le 28.000 unità, diventando così il modello più venduto della gamma Peugeot Scooters. Le ragioni della sua popolarità sono facilmente intuibili: è un mezzo piccolo, leggero dal prezzo contenuto, con un design curato e trasversale nel gusto.

Il raffinato e il grintoso

La gamma, che ad oggi era composta da due versioni, il Base e l’RS, si arricchisce ora di due serie speciali identiche nella tecnica e nello stile ma con anime e livree differenti: Il Tweet Paris e il Tweet Double Black.
Più femminile e raffinato il primo, nella colorazione light blue, monta di serie parabrezza (con alla base il disegno dello skyline di Parigi) e un bauletto nero da 30 litri. Per farsi ancora più chic indossa anche un prezioso accessorio, la borsa Jadise in pelle (della stessa tonalità di azzurro dello scooter) e canvas con stampata la cartina del Champ se Mars, il quartiere dove si trova la Tour Eiffel.
Tutta nera invece la seconda grintosa versione, ovviamente pensata per un pubblico maschile, e per i più giovani. Look dark per il Double Black con copriscarico, forcella, cerchi portapacchi e fregio anteriore neri lucidi che ne fanno risaltare sportività e eleganza.
La caratteristiche tecniche sono comuni; il motore è un monocilindrico raffreddato ad aria alimentato a carburatore nelle cilindrate 50, 125 e 150 (Euro 3). La comoda pedana piatta, un vano sottosella sufficientemente ampio e i cerchi da 16” ne fanno un mezzo pratico e perfetto per la città.

Una conferma

Come abbiamo potuto verificare durante un breve giro di prova, il Tweet si conferma agile e leggero… insomma, si destreggia davvero bene nel traffico, soprattutto il più brioso 150. Lavorano ottimamente i freni (anche se non è presente il sistema ABS) e le sospensioni hanno una resa in linea col tipo di mezzo. Grazie a dimensioni e peso ridotto si manovra con grande facilità. Curato nei dettagli, dalle finiture alla strumentazione, ha un rapporto qualità prezzo irreprensibile.

Tweet Paris e Double Black sono entrambi disponibili nelle cilindrate 50,125 e 150 cc. con prezzi al pubblico f.c. che vanno dai 1.750 euro (50 cc. DB) ai 2.320 euro (150 cc. Paris) che include garanzia di 3 anni e 2 di assistenza stradale.

 

Autore: Monica Martini

Tag: Test , scooter , test , prove


Top