Test

pubblicato il 26 aprile 2016

Dossier BMW C 650 Sport e GT

BMW C 650 GT, fuoriporta con stile [VIDEO]

Per chi vuole andare oltre il tragitto casa-lavoro, ecco il maxi-scooter bavarese che punta le ruote verso l'orizzonte. Scopriamo come va...

freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 1
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 2
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 3
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 4
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 5
  • BMW C 650 GT | Garage - anteprima 6

Non solo commuting urbano. Se cercate un mezzo che vada oltre il semplice ruolo di pratico e versatile anti-stress negli attraversamenti metropolitani, il BMW C 650 GT potrebbe fare al caso vostro. Perché ok, è uno scooter, ma se lo guardi bene è impossibile non notare la somiglianza con le viaggiatrici del marchio bavarese, in particolare con la R 1200 RT. E poi quella sigla, GT (che sta per Gran Turismo) non lascia spazio a dubbi: uno scooter di grossa cilindrata, protettivo e prestante, con cui puntare le ruote verso l’orizzonte a caccia di strade e paesaggi.

Macinachilometri

Un termine che si usa spesso quando si parla di mezzi a due ruote nati per fare strada. E tra le caratteristiche che non possono mancare su un vero macinachilometri, spicca sicuramente il fattore comfort. Quel mix di comodità, ergonomia e protezione dall’aria che consente di trascorrere ore in sella senza avvertire fatica. E qui i progettisti BMW vantano una grandissima esperienza in ambito motociclistico, che hanno voluto interamente riversare sul maxi-scooter C 650 GT nel tentativo di espandere gli orizzonti anche di chi non vuole necessariamente confrontarsi con cambio e frizione. E così, si fanno apprezzare particolari come l’ampio plexiglas regolabile elettronicamente in altezza (grazie ad un pratico comando al manubrio) e le carene protettive, che consentono di viaggiare tranquillamente alla velocità di 130 km/h senza fastidiosi fruscii aerodinamici. Ma piacciono anche la sella comoda per pilota e passeggero e l’ampia capacità di stivaggio: sono ben 60 i litri a disposizione nel vano sotto-sella che offre uno scomparto illuminato e volumi ben sfruttabili, ideali per due caschi e altri oggetti. Non mancano poi 2 vani posizionati nello scudo anteriore, di cui il sinistro dotato di serratura e presa 12 V (peccato che la qualità delle loro plastiche non sia in linea con il resto della componentistica di livello “upper-premium”).

Sensazioni dinamiche

Con 60 CV a disposizione la potenza non manca! I sorpassi, anche in autostrada, sono una pratica che si sbriga in un attimo... il tutto senza essere infastiditi da turbolenze di pullman o camion. Basta poi mettere le ruote su un bel percorso "tuttecurve" per godersi il piacere di guida che questo GT sa regalare. I cambi di direzione, a causa delle masse in gioco, non sono fulminei ma... neanche lenti considerando i suoi 258 kg di peso. Le sospensioni lavorano bene, anche dove l’asfalto non è perfetto, mentre il 2 cilindri riesce a tirare fuori dalle curve con la giusta forza, soprattutto se lo si lascia girare in alto. In frenata, l’impianto risulta potente e ben modulabile. Solo l’ABS a volte appare un po’ invasivo, proprio come talvolta accade sull’utilissimo ASC - il controllo di stabilità - che riduce automaticamente la coppia nel caso di slittamento della ruota in accelerazione. Entrambi i sistemi sono di serie sul BMW C 650 GT.

Domenica ti porterò sul lago...

Ad Andrea il compito di scandagliare le doti di questo Gran Turismo “automatico”, messo alla prova lungo un affascinante percorso che, dalla città, lo ha portato a pennellare gustosissime curve su una bella strada lungolago, senza farsi mancare un assaggio di autostrada. Un test perfetto, quindi, per questo "maxi" dall'anima globetrotter.

Autore: Andrea Farina

Tag: Test , scooter , test , prove


Top