Curiosità

pubblicato il 23 marzo 2016

5 operazioni da fare prima di togliere la moto dal garage

È primavera! Ecco la manutenzione da fare per evitare problemi durante il primo giro in moto dell'anno

5 operazioni da fare prima di togliere la moto dal garage

Il riscaldamento è ormai spento in quasi tutte le case d'italia, nei giardini i peschi hanno i fiori rosa e i prati si riempiono di colori. La primavera porta a una rinascita dei sensi, della voglia di andare in giro e - ovviamente - di tirare fuori la moto dal garage. Ci sono tanti motociclisti che non utilizzano la moto durante il rigido periodo invernale, così dopo diversi mesi di rimessaggio è il caso di "sgranchire" la moto per una nuova stagione all'insegna del divertimento in sella. Ci sono 5 accortezze da prendere prima di far salire di giri il vostro motore, per non avere nessuna spiacevole sorpresa e per trattar bene tutti gli organi meccanici del mezzo.

1. I livelli dei liquidi

Dando per scontato che non abbiate fatto un tagliando prima di rimettere la moto dentro il garage per l'inverno, l'inizio della stagione motociclistica necessita di un controllo di tutti i livelli dei liquidi a bordo: l'olio motore è fondamentale, verificate che non sia troppo poco e poi valutate (in base al colore e in base ai chilometri che avete fatto dal precedente tagliando) se è il caso di rabboccare o sostituire sia il liquido che il filtro. Quando è troppo vecchio? Cambia dall'utilizzo e dal tipo di moto, ma diciamo che se avete fatto 10.000 km o son passati 2 anni dalla precedente sostituzione, potrebbe essere il caso di fare il tagliando completo. Non dimenticate di rabboccare il liquido di raffreddamento e di verificare il livello del DOT4 nei sarbatoi di freno posteriore anteriore. Per chi ha la frizione idraulica, check anche sul serbatoietto del liquido nel manubrio.

2. La batteria

Se siete motociclisti accorti, probabilmente avrete collegato la batteria della vostra moto a un mantenitore di carica, che per tutto l'inverno ha mantenuto in buona salute la riserva d'energia della vostra moto. Se vi siete limitati a staccare i morsetti, però, il freddo e il lungo periodo di inattività potrebbero averla indebolita seriamente, per questo fate una verifica con un tester e nel caso decidete se far partire subito la moto o meno. Considerate che anche se la verifica della carica da tester è accettabile, in una batteria troppo consumata basta uno spunto dato dalla prima accensione a farla morire del tutto. Se si mette in moto, lasciate scaldare il motore e fatelo girare per ricaricare al meglio la batteria. Nel caso, invece, l'abbiate lasciata tutto l'inverno attaccata, ormai sarà bella che morta. Anche qui valutate lo stato di salute calcolando da quanti anni l'avete montata e quanti cicli di ricarica ha fatto, poi valutate se cambiarla o meno.

3. Le usure

Difficilmente, prima del rimessaggio invernale, avrete pensato a cambiare freni e gomme. Il "ci penserò la prossima primavera" è un ragionamento corretto, ed è arrivato il momento. Date un'occhiata all'usura delle pastiglie, controllate se la catena è ben tesa, allo spessore dei dischi freno e, per puro scrupolo, fate un rapido check dell'impianto elettrico. L'inverno in garage potrebbe regalarvi brutte esperienze come l'umidità che ossida alcuni connettori o qualche simpatico roditore di città che scopre e spezza i cavi. Doppio check anche alle lampadine, ai fari e alle frecce, sempre doveroso.

4. Gli pneumatici

Un argomento più che delicato, quello riservato alle gomme. Non è soltanto l'usura del battistrada a segnalare quando è il momento di cambiare, ma anche l'effettiva "anzianità" dello pneumatico, che dopo un inverno rigido di inattività potrebbe aver subito il processo di vetrificazione che lo rende praticamente ineffettivo. Può essere che pur avendo fatto pochi chilometri, la vostra gomma abbia un battistrada più che buono ma la mescola troppo dura a causa dell'inattività, il che è pericoloso perchè l'aderenza sarà precaria e se vien scaldata troppo si rischia di creare una sottile patina scivolosa superficiale che crea ancora più il rischio di caduta. Il nostro consiglio è di cambiare gli penumatici a prescindere dalle condizioni del battistrada, se hanno due o più anni.

5. Lubrificazione e serraggi

Queste operazioni andrebbero fatte periodicamente e non solo all'inizio della stagione, ma il primo giro in moto dell'anno è l'occasione ideale per dare una bella lubrificata alla catena, rimasta "a secco" e ferma per troppi mesi. Logicamente è da considerare lubrificazione anche l'ingrassaggio del cardano nel caso la vostra moto ne sia dotata. Last but not least, controllate bene le viti "critiche" della vostra moto, ovvero quelle che subiscono più le sollecitazioni delle vibrazioni e della strada: telaietti borse, portapacchi, viti carena, specchi, riser e manubrio. Sono elementi sempre sollecitati e quindi necessitano di una stretta ogni tanto. Avete fatto tutto? Allora buon primo giro della stagione!

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , manutenzione


Top