Attualità e Mercato

pubblicato il 18 marzo 2016

Samsung Smart Windshield: il parabrezza tecnologico

Assieme a Yamaha è stato sviluppato un sistema che connette lo smartphone a un display sul parabrezza. Sicuro e pratico

Samsung Smart Windshield: il parabrezza tecnologico
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 1
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 2
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 3
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 4
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 5
  • Yamaha Tricity 2014 - anteprima 6

Ieri sera, a Milano, è stata presentata una chicca tecnologica che potrebbe rappresentare un passo avanti importante verso il futuro della mobilità urbana: il Samsung Smart Windshield. Come dice il nome è un "parabrezza intelligente", sviluppato in collaborazione con Yamaha che ha prestato i suoi Tricity per lo sviluppo del concept, sperando che diventi realtà di serie in tempi brevi.

I giovani si distraggono con lo smartphone

Veniamo al dunque: di cosa si tratta? È un parabrezza ampio e protettivo, che va oltre la sua funzione di protezione dall'aria andando a sviluppare un nuovo concetto di guida sicura su due ruote riportando gli aggiornamenti dello smartphone con un display a proiezione proprio davanti agli occhi del conducente, che evita di distrarsi prendendo in mano il telefono e distogliendo gli occhi dalla strada.
L'idea è arrivata dopo l'allarmante serie di studi di ACI e ISTAT: il 25% dei giovani italiani fra i 18 a 24 anni utilizza lo smartphone alla guida, che siano queste auto o moto, quindi Samsung e Yamaha hanno unito le forze per trovare una soluzione, grazie anche alla collaborazione di vari influencer del mondo social.

Ancora lontana la produzione di serie

Il funzionamento è semplice: il parabrezza - che ha un sistema di proiezione integrato simile a un head-up display - si collega bluetooth all'app dello smartphone che trasmette al conducente le informazioni su navigazione, aggiornamenti dalle app, chiamate e messaggi. Il conducente, così, riuscirà a vedere da chi viene contattato e può decidere se fermarsi a rispondere o continuare, senza mai togliere il telefono dalla tasca e le mani dal manubrio
Comodo e sicuro, per il momento è un prototipo in fase sperimentale, ma potrebbe essere un importante brevetto sia per gli accessori aftermarket per moto che non lo prevedono di serie, sia per dotazioni standard dei futuri scooter e moto da turismo. Al momento non ci sono piani di commercializzazione avviati, ma diventerà realtà di sicuro.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , accessori , anticipazioni


Top