Sport

pubblicato il 18 gennaio 2016

MotoGP: ecco la nuova Yamaha M1 2016

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo tolgono i veli alla moto del prossimo campionato. Difficile distinguerla da quella 2015!

MotoGP: ecco la nuova Yamaha M1 2016

La stagione MotoGP 2016 è ufficialmente iniziata con la prima presentazione ufficiale di una squadra del prossimo campionato. Yamaha, da campione del mondo, anticipa tutti e svela a Barcellona le due moto che proveranno a riaffermarsi nella massima categoria quest'anno, alla presenza dei piloti Jorge Lorenzo e Valentino Rossi che hanno tolto il velo alle rispettive M1.

Cambia poco... quasi nulla

Per la prima volta da tanti anni a questa parte, le moto della squadra Yamaha sono praticamente identiche a quelle dell'anno precedente. Stessa colorazione, stessa grafica e stessa impostazione estetica, anche gli sponsor sono esattamente gli stessi e non si spostano dai loro spazi sulle carene. Unico adesivo che salta all'occhio, quello di Michelin, che come sappiamo sarà di nuovo il fornitore unico della MotoGP a partire dal 2016.
Distinguere le moto dello scorso campionato da quelle del prossimo è una sfida per chi ha l'occhio fino, degna del "trova le differenze" della Settimana Enigmistica. Ad una prima occhiata possiamo notare i diversi freni e la forcella più esposta che in passato, mentre la carena ha la stessa aerodinamica ma cambia no i punti d'attacco e la forma degli sfoghi d'aria laterali. Tutti nuovi i cerchi, ora a sei razze parallele a coppie. 

Riconfermarsi non sarà facile

Yamaha ha voluto puntare sulla classica regola del "squadra che vince non si cambia", ma ci aspettiamo di vedere parecchi cambiamenti sulla nuova M1 nel corso dei test invernali e dei GP. La realtà è che effettivamente le nuove gomme Michelin, totalmente diverse dalle Bridgestone, cambieranno davvero molto sia nella guida che nelle prestazioni, quindi non sarà scontato vedere le stesse forze in gioco dello scorso campionato. Yamaha preferisce non osare e capire, dapprima, se le gomme si adatteranno alla moto vincente del 2015, nel caso poi si interverrà per "tappare i buchi" dove serve, consci del fatto che tutte le squadre sono sulla stessa barca. 

Autore: Redazione

Tag: Sport , motogp


Top