Special e Elaborazioni

pubblicato il 13 gennaio 2016

Ducati Scrambler by Marin e Untitled

Partecipa al concorso Custom Rumble ed è l'essenza assoluta dell'anima Scrambler

Ducati Scrambler by Marin e Untitled
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 1
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 2
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 3
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 4
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 5
  • Special Ducati Scrambler Marin Untitled - anteprima 6

La Ducati Scrambler è uno dei grandi successi del 2015, ma è una moto che ha ricevuto anche parecchie critiche per quanto riguarda l'estetica che non riesce a piacere proprio a tutti. Con questa special realizzata da Marin Speed Shop e Untitled avrete modo di vederla in una salsa completamente diversa, tanto da non sembrare minimamente imparentata con la vintage di Borgo Panigale.

L'arte di togliere senza rimettere

Il design originale è stato completamente stravolto spogliando interamente di qualsiasi orpello estetico... e senza rimontare nulla. L'essenzialità dello stile è la vera chiave del progetto e dobbiamo ammettere che fa la sua porca figura, soprattutto perchè qui viene esaltato il disegno del bel telaio a traliccio, impreziosito da un colore rosso fluo.
I suoi creatori fanno una velata critica al design originale della Scrambler: "la nuova moto è un'ottima base su cui costruire una special. Ducati ha fatto un ottimo lavoro catturando l'essenza del modello originale, ma hanno dovuto trovare inevitabili compromessi per una questione di costi di produzione."

Semplicità e peso piuma

Di conseguenza, i compromessi sono stati buttati dalla finestra e qualsiasi pezzo di plastica, protezione o comfort è stato cestinato. La sella è un sottile strato poggiato sul telaietto, il serbatoio ha forme semplici e ingombri minimi, il proiettore posteriore è una sottile striscia di led inglobata nel ferro posteriore del telaio e davanti c'è una sottile striscia verticale a LED. 
Il motore è completamente rivisto e lucidato, il monobraccio posteriore è di un Monster S2R e davanti compare una bella forcella a steli rovesciati verniciata in rosso. Minimale anche la strumentazione, con una sottilissima striscia di LED colorati, mentre lo scarico è un sottocoppa QD Exhaust, abbinato a un bel puntale in alluminio battuto a mano. Ora la moto pesa 145 kg, ben 38 in meno della moto originale La moto ha partecipato al concorso Custom Rumble di Ducati, dedicato ai customizer e ai concessionari ufficiali. 

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special


Top