Special e Elaborazioni

pubblicato il 7 gennaio 2016

Bol d’Or by XTR Pepo

Il preparatore spagnolo propone una special estrema sulla base di una Ducati Pantah 600 TL del 1983

Bol d’Or by XTR Pepo
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 1
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 2
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 3
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 4
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 5
  • Ducati Pantah Bol d’Or by XTR Pepo - anteprima 6

Dopo aver terminato l'avventura con Radical Ducati (soprattutto allo scopo di poter scatenare la propria creatività anche su modelli di altre case), il preparatore spagnolo Pepo torna alle origini e infonde la sua raffinata arte su una Pantah 600 TL del 1983 trasformandola nell'aggressiva special, di cui potete gustare ogni particolare nella gallery-foto che vi proponiamo.

Classica ed estrema

Uno dei trend più cavalcati, di recente, dai preparatori, è quello di fondere - in maniera convincente - stile classico e soluzioni meccaniche estreme. Tendenza di cui Pepo (sin dai tempi di Radical Ducati) è stato un vero precursore, come raccontano le innumerevoli creature che portano addosso la sua firma. Moto taglienti e aggressive, mai banali sul fronte del look. Proprio come questa Bol d'Or, che affascina con la meccanica in bella vista e uno stile che rimanda dritto alle moto da competizione del secolo scorso.

Nel dettaglio... 

Un lavoro certosino, che ha previsto, tanto l'utilizzo di parti appositamente realizzate artigianalmente, quanto componentistica proveniente da altri modelli della Casa bolognese, o direttamente dal catlogo di alcune tra le migliori aziende aftermarket in circolazione. La forcella, ad esempio, arriva dritta da una Ducati Monster S4RS, mentre le carene (in fibra di carbonio) e il cupolino sono stati relaizzati "in casa" da XTR. Il telaio è quello originale, a traliccio, della Pantah, opportunamente modificato. Forcellone e ruote sono invece quelli di un Monster 696 opportunamente riadattati. A dare un tocco di verve in più al motore, arrivano poi carburatori Dell’Orto PHM 40.
Completano l'opera: mono posteriore by YSS, pinze freno Brembo, catena color oro firmata Tsubaki, scarico a megafono aritigianale by XTR e colorazione curata dal celebre Artenruta

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , bicilindriche , special


Top