Attualità e Mercato

pubblicato il 5 gennaio 2016

VRM acquista Marzocchi: l'azienda è salva

La buona notizia che aspettavamo è arrivata. La fabbrica italiana ricomincerà a produrre sospensioni con 70 dipendenti

VRM acquista Marzocchi: l'azienda è salva

Abbiamo seguito tutta la vicenda quest'estate, dalla brutta notizia della chiusura alle più speranzose possibilità di vendita, ma fortunatamente l'incubo di Marzocchi sembra arrivato alla fine. L'azienda americana Tenneco, proprietaria del marchio, ha ceduto l'attività alla VRM, azienda italiana che si occupa di progettazione, realizzazione e lavorazioni meccaniche di precisione su componenti in alluminio, magnesio e acciaio. 

Si riparte con un team tutto italiano

VRM, già partner di Ducati, MV Agusta, BMW e Ferrari, terrà in vita Marzocchi e tutta l'attività produttiva di Zola Pedrosa, riprendendo la produzione e riconsegnando il lavoro a 70 dipendenti. Un lieto fine che sembra chiudere definitivamente il brutto periodo iniziato la scorsa primavera, quando Tenneco annunciò la volontà di cessare l'attività e chiudere Marzocchi.
Dopo una prima fase di totale disinteresse di Tenneco a vendere il marchio, anche gli americani hanno ritenuto giusto dare una seconda possibilità alla storica fabbrica italiana di sospensioni, portando avanti alcuni contatti per la cessione dell'attività, nessuno dei quali è andato a buon fine facendo tornare Tenneco sui suoi passi.

La produzione è pronta a ripartire

Per fortuna un accordo firmato al Tavolo di Salvaguardia della Città Metropolitana di Bologna ha consentito a VRM di prendere in mano l'azienda e di ridare speranze, anche se non sappiamo quali saranno i programmi di rilancio della produzione della nuova gestione. Probabilmente, Marzocchi confermerà le forniture ai suoi principali partner commerciali Ducati e MV Agusta (che già hanno VRM come fornitore), e speriamo che si torni il prima possibile ai ritmi produttivi di un tempo.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , mercato


Top