Sport

pubblicato il 23 dicembre 2015

Dakar 2016: team e piloti ufficiali

Tutti i team e i piloti che parteciperanno all'edizione che partirà il 3 gennaio. Tanti gli italiani al via!

Dakar 2016: team e piloti ufficiali
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 1
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 2
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 3
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 4
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 5
  • Team ufficiali Dakar 2016 - anteprima 6

Mancano pochi giorni alla fine dell'anno ma, per gli appassionati più incalliti, è il momento in cui parte il conto alla rovescia per l'inizio della Dakar 2016. La prossima edizione scatterà il 3 gennaio da Buenos Aires e terminerà il 16 gennaio a Rosario, dopo 13 tappe e circa 9000 chilometri di polvere e fatica attraverso Argentina e Bolivia, uniche due nazioni toccate dal percorso scelto per il 2016. Le squadre ufficiali sono quattro: KTM, Husqvarna, Honda e Yamaha. Andiamo a conoscerle meglio.

KTM

È senza dubbio la moto da battere. KTM è imbattuta dal 2001, 14 edizioni consecutive, e anche lo scorso anno che sembrava fare più fatica è riuscita a conquistare la vetta grazie alla costanza e all'esperienza di Marc Coma. Purtroppo per la casa austriaca, l'asso spagnolo ha deciso di appendere il casco al chiodo e le KTM 450 Rally sponsorizzate Red Bull saranno affidate ai nuovi portacolori Toby Price (sorprendente terzo nell'edizione 2015, alla sua prima partecipazione assoluta), Jordi Viladoms, Matthias Walkner e Antoine Meo. Quest'ultimo è un debuttante ma lo conosciamo per essere uno dei piloti enduro più forti di sempre... saprà senza dubbio dire la sua. Alla squadra si aggiunge Laia Sanz, che correrà con supporto ufficiale ma con una moto sponsorizzata LH-7.

Husqvarna

Una squadra "clone" di KTM, sia per quanto riguarda la moto che per i piloti, con il portacolori Ruben Faria che ha corso con il team austriaco negli ultimi anni conquistando ottimi risultati e diverse vittorie di tappa. Come nel Motomondiale (Moto3), il rebranding della moto con il marchio Husqvarna serve senza dubbio per reintrodurre il nome all'interno delle competizioni, per poi arrivare magari a un futuro in cui i progetti KTM e Husky verranno separati per seguire percorsi diversi. Stessa cosa accade nel mondiale MX1 e infatti Max Nagl ha sfiorato il titolo nel 2014. Accanto a Faria, il 3 gennaio partiranno anche Pablo Quintanilla, concretissimo partecipante della passata edizione e il debuttante Pela Renet, pilota di spicco del campionato mondiale enduro nella categoria E2. Anche un italiano in veste ufficiale, Jacopo Cerutti, vincitore della Dakar Challenge 2015 in Sardegna in giugno, alla sua prima Dakar e in sella alla Husqvarna ufficiale numero 50.

Honda

È già qualche anno che HRC punta molto in questa competizione, con una moto all'avanguardia e un team sempre al top. Nella passata edizione ha sfiorato la vittoria assoluta con il top rider Joan Barreda, in cerca della sua prima affermazione iridata. I numeri li ha e se la moto quest'anno sarà all'altezza del ruolo riuscirà sicuramente a giocarsi la vittoria finale. La CRF450 Rally ha ricevuto poche modifiche per questo nuovo tentativo, dopo le convincenti performance del 2015, mentre la squadra è stata profondamente rivista con Barreda come capitano, seguito dall'altro espertissimo portoghese Paulo Gonçalves, il francese Michael Metge e il debuttante Ricky Brabec, asso americano della categoria Baja. Fra le moto ufficiali anche un Italiano, Paolo Ceci, finalmente con una moto all'altezza delle sue possiblità. Sarà interessante seguire la sua gara.

Yamaha

Vi abbiamo già presentato la moto, la WR450F Rally nella sua ultima evoluzione, molto bella e si spera all'altezza della concorrenza, che negli ultimi anni è sempre stata un gradino sopra. La squadra ufficiale del team Yamaha è la meno nutrita ma non per questo è meno competitiva. Il già campione del mondiale Cross Country ed esperto dakariano Helder Rodrigues ha lasciato Honda per sposare la sfida di Iwata, proverà a portare la moto alla vittoria per interrompere il dominio KTM. Accanto a lui un italiano, Alessandro Botturi, che in questi anni si è distinto per velocità, costanza e per un pizzico di sfiga che non gli ha mai permesso di arrivare a podio nella gara più importante dell'anno. Potrebbe essere il suo anno buono!

Gli Italiani

Botturi, Ceci e Cerutti sono piloti ufficiali. Finalmente dopo diversi anni dei piloti tricolore ricevono la casacca e la moto per poter competere ad armi pari con gli avversari più agguerriti. Saranno loro i sorvegliati speciali di quest'edizione assieme agli altri tanti italiani che correranno in Sudamerica: Simone Agazzi, Manuel Lucches, Diocleziano Toia, Federico Ghitti, Francesco Beltrami, Francesco Catanese, Alessandro Barbero, Maurizio Gerini, Livio Metelli e alla sua prima esperienza con i quad il veterano Franco Picco. Tutte le tappe e gli approfondimenti di gara si potranno seguire nello speciale Dakar di OmniCorse.it

Autore: Redazione

Tag: Sport , anticipazioni , gare , fuoristrada


Top