Test

pubblicato il 19 dicembre 2015

BMW S 1000 XR: perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Un crossover ad alte prestazioni per chi non rinuncia alle performance neanche in viaggio... figurarsi sui propri percorsi preferiti

Quando si pensa ad una moto per andare lontano, BMW Motorrad è sicuramente uno dei primi produttori che vengono in mente. E se da sempre, la famiglia GS e le varie Gran Turismo, sono il punto di riferimento per i più incalliti macinachilometri, da qualche tempo, nel listino della Casa bavarese, un nuovo modello stuzzica la fantasia dei motociclisti che amano fare strada senza rinunciare alle performance pure: il crossover ad alte prestazioni BMW S 1000 XR, che ha debuttato ad EICMA 2014.

Come la naked, ma oltre...

La XR condivide gran parte della base tecnica della "nuda" sportiva S 1000 R, a partire dal motore 4 cilindri da 999 cc in grado di erogare la bellezza di 160 CV. Non certo una potenza da touring, ma nelle intenzioni BMW, nonostante l'aspetto da enduro stradale, questo crossover non doveva far nulla per celare la sua mission di moto adrenalinica. Ciò non toglie che il manubrio largo, l'impostazione di guida con busto eretto e l'ergonomia generale, improntata al comfort, non espandano enormemente la polivalenza del mezzo e gli consentano di assecondare anche la voglia di esplorare orizzonti.

Il fuori strada però... è fuori discussione

Ma non lasciatevi trarre in inganno. La ruota anteriore da 17'' e un'impostazione generale improntata all'efficacia nella guida stradale, con una ciclistica (le sospensioni in particolare) che premiano il rigore direzionale al comfort sui fondi accidentati, sconsigliano di avventurarsi su strade sterrate che vadano oltre i brevi tratti in terra battuta. Insomma, se la vostra mission motociclistica è quella di esplorare luoghi remoti e impegnativi tracciati in off-road, meglio rivolgere altrove le vostre attenzioni.

Meglio l'asfalto, quindi...

Sì, soprattutto perché il motore è un distillato di potenza pura che parte corposo sin dai bassi regimi, si irrobustisce ai medi, per poi esplodere come dinamite a partire dagli 8.000 giri, quando urla di gusto, scatenando veri e propri istinti teppistici. Insomma, di quelle moto che hanno il pregio di farsi amare subito, dopo la prima serie di curve: ciò che più colpisce della BMW S 1000 XR è soprattutto la facilità con cui si riesce ad andar forte. Peccato solo per le vibrazioni che si innescano sulle pedane e sul manubrio in un range di giri particolarmente utilizzato.

La qualità si paga

Tanta elettronica a bordo e qualità al top. Caratteristiche che la Casa di Monaco non propone certo a buon mercato: la moto parte da un listino di 16.300 euro, che diventano subito 18.630 se si scelgono i due pacchetti "Dynamic" e "Touring" i quali, oltre a comprendere alcuni degli optional più interessanti, ne espandono sensibilmente possibilità dinamiche e raggio d'azione.

Autore: Diego D'Andrea

Tag: Test , quadricilindriche , test , prove


Top