Curiosità

pubblicato il 2 dicembre 2015

10 consigli per affrontare l'inverno in moto!

Eccovi qualche trucco per una stagione fredda da motociclisti "duri e puri" che non rinunciano all'amata due ruote

10 consigli per affrontare l'inverno in moto!

Salvo non viviate in regioni dove neve e temperature costantemente sotto zero impediscano l’utilizzo della moto, molti di voi non rinunceranno alla propria passione durante la stagione invernale, sia nel tram tram quotidiano, che duarante una bella galoppata sotto al sole d'inverno. Per affrontare al meglio il clima rigido, senza subirne i rigori e gli inconvenienti, sono necessari, però, alcuni pratici accorgimenti. Ecco i migliori 10!

1. Pneumatici racing... no grazie!

Vi è mai capitato di sentire amici lamentarsi di cadute invernali improvvise e inspiegabili al primo accenno di piega? Nella maggior parte dei casi scoprirete che montavano gomme Racing in pieno gennaio. Gomme che necessitano di temperature elevate per raggiungere il range di utilizzo ottimale e che spesso, in inverno, si fa molta fatica a "scaldare"… soprattutto sulla parte più esterna delle spalle. Ed ecco, quindi, che quella che con climi più miti sarebbe stata una normalissima piega, a gennaio si può trasformare in una brutta avventura. E alora, delle due l’una: o per l’inverno si rimpiazza la gomma “pistaiola” con un prodotto “foad”, efficace già a temperature di esercizio più basse e con un miglior drenaggio dell’acqua in caso di pioggia, oppure ci si rassegna a limitare di molto (ma davvero molto!) l’andatura, prestando sempre la massima attenzione.

2. Abbigliamento tecnico... realmente "tecnico"

Spiace dirlo ma, per esperienza, non sempre caratteristiche ventilate nelle schede tecniche dei capi da moto si rivelano poi effettive alla prova dei fatti. Per l’inverno, preferite sempre capi, possibilmente in Goretex, prodotti da marchi di comprovata qualità.

3. Il buon vecchio quotidiano

Ipotizziamo che, mentre siete in moto, un gelo mortifero vi schiaffeggi improvvisamente da ogni lato, mentre siete in moto e senza preavviso. Se per caso non avete dietro l’imbottitura della giacca, non disperate. Fermatevi al primo giornalaio, acquistate un quotidiano e infilatelo aperto sotto la giacca, dividendolo opportunamente per proteggere il busto e i reni. Che voi ci crediate o meno, uno stratagemma che ha salvato generazioni di motociclisti da morti certe per ipotermia.

4. Proteggi sempre i piedi

Non a caso, anche un eroe mitologico come Achille aveva nei piedi il suo punto debole. Se durante un acquazzone invernale vi si dovessero bagnare, potreste beccarvi un brutto malanno a causa del freddo che gela l'umido. Quindi, se per caso avete speso tutti i risparmi per l’ultimo stivale ipertecnologico da pista, e non avete nulla per il day by day invernale, ricordatevi che gli intramontabili anfibi - quelli usati dai militari, per intenderci - non tradiscono mai: caldi e impermeabili, i modelli migliori hanno anche rinforzi rigidi sulla punta e sul tallone, e si trovano a prezzi stracciati un po’ ovunque, sia nuovi che usati

5. Manopole riscaldate

Quelli di voi, appassionati di pesca, avranno sentito di rimedi infallibili contro il freddo, utilizzati dai pescatori di fiume per non far gelare le mani in pieno inverno. Uno dei più gettonati è quello di cospargerle di grasso di maiale per chiudere i pori. Fantastico, ma se non volete profumare come un piatto di carbonara a pranzo, sappiate che oramai – anche su molti modelli entry level – le Case motociclistiche propongono le manopole riscaldate. Un toccasana favoloso per chi utilizza le due ruote anche d’inverno… un optional, forse, un po’ più utile – in certe circostanze – dell’ultimo modello di silenziatore a fetta di salame.
N.B. attenzione se usate guanti di Goretex: le manopole riscaldate, a causa delle dinamiche tipiche di questo tessuto tecnico, ne inficiano l’impermeabilità. Quando piove, accoppiate sempre, alle manopole riscaldate, appositi paramani da moto

6. Stile di guida

Che voi siate o meno dei novelli Valentino Rossi, la REGOLA è valida per tutti: in inverno si deve procedere adagio e con cautela. Strisce pedonali, umido a bordo strada o improvvise gelate vi possono mettere KO prima ancora che ve ne rendiate conto. Approfittate, piuttosto, della guida invernale per imparare a “sentire” meglio la moto, senza mai forzare le manovre: in primavera, senza neanche accorgervene, avrete incrementato di molto la sensibilità di guida… a tutto vantaggio dell’efficacia.

7. Underware

Vestirsi a cipolla, per il motociclista d’inverno, più che una regola è un obbligo. Ma prestate la massima attenzione al primo strato di indumenti, quello a diretto contatto con la pelle: se troppo leggero, inadeguato o, peggio, non traspirante, potreste trasformare una galoppata in moto a febbraio in un incubo senza fine… immaginate uno spiffero gelido che raggiunge la pelle sudata, avvolta da un tessuto non traspirante. In sintesi: ottimi materiali prodotti da aziende di comprovata qualità.

8. La visiera si appanna?

Con l’inverno, l’appannamento della visiera diventa uno dei maggiori fastidi da combattere. L’unico vero rimedio è applicare strati adesivi supplementari. Vere e proprie “visiere” appiccicate (internamente) alla visiera che risolvono il problema. Si trovano facilmente nei negozi di accessori moto, oppure online.

9. Rendetevi visibili, siate fosforescenti

Uno dei pericoli maggiori per chi va in moto è la scarsa visibilità agli altri utenti della strada quando calano le luci. Un problema che aumenta tantissimo in inverno, quando fa sera prima oppure nebbia e acquazzoni rendono critica la visibilità. Caschi di colori opportuni (i maggiori produttori ne hanno in catalogo di appositi) e fasce rifrangenti su giubbotto e pantaloni(ce ne sono anche di asportabili) sono la soluzione migliore per non essere “abbattuti” guidando al buio.

10. Un vin brulè

Cosa c’è di meglio per riprendere temperatura dopo una lunga cavalcata al freddo? Sapevate che gran parte dell’alcool evapora durante la fase di cottura? Ciò non toglie, però, che sia ugualmente alcolico, quindi... da sorbire, piacevolmente, a moto ferma… e con un buon margine prima di rimettersi in sella

Autore: Diego D'Andrea

Tag: Curiosità , curiosità , varie , inverno in moto


Top