Special e Elaborazioni

pubblicato il 1 dicembre 2015

Honda CX 500 by Heinz Christmann

Una cafè racer davvero pulita e aggraziata, curata nei dettagli e bella per la sua semplicità

Honda CX 500 by Heinz Christmann

In Italia la Honda CX è sempre stata molto discussa. Il suo bicilindrico a V è "copiato" da quello Moto Guzzi per quanto riguarda l'architettura, ma aveva il raffreddamento a liquido e un'affidabilità da riferimento, tanto che sono ancora molte quelle che si vedono circolare su strada. La seconda caratteristica - venuta fuori in tempi recenti - è l'adattabilità a qualsiasi tipo di elaborazione essendo un motore che ben si sposa con tanti stili, dal brat alla cafè racer e alla scrambler. Heinz Christmann ha realizzato una CX 500 dalle linee pulite ed essenziali, curatissima e davvero affascinante.

Pulita e semplice

Si tratta chiaramente di una cafè racer, nella sua versione più pura: un codino corto e tondo, un serbatoio in metallo e un paio di semimanubri. Concetto classico ma espresso con personalità e con una buona dose di fantasia, a partire dal serbatoio, realizzato a mano specificatamente per questa special,
Il codino ha necessitato la costruzione di un telaietto e l'eliminazione di tutto il superfluo, a vantaggio di peso e "pulizia". La sella è un pezzo che arriva da un catalogo aftermarket tedesco, ma rivestita e dotata di logo. 

Meccanica originale esaltata

Il motore è stato risistemato, completamente pulito e lucidato a dovere, poi dotato di scarichi a doppio tronco di cono, corti sulla fiancata, mentre i nuovi carburatori sono Kehin da 34 mm e questo è l'unico elemento funzionale non di serie su questo bicilindrico da 80°. La testata e altre parti sono state trattate e verniciate per dare un tocco di nuovo.
La ciclistica riprende la forcella da una CBX550F con anti-dive, dietro c'è una coppia di molle della Kawasaki Z750 Zephyr. La curiosità più intressante è che i due dischi anteriori sono nascosti dentro un "guscio" che ricorda i freni a tamburo, ma si notano le pinze a due pistoncini nella parte posteriore. 
Per terminare, logicamente arriviamo ai tocchi di stile come i cerchi a raggi cromati della TTS, entrambi da 17", Le gomme hanno diametro di 120 davanti e 140 mm dietro. Il cupolino che cinge il picccolo faro anteriore è di ispirazione Harley-Davidson ma modificato con un piccolo plexi giallo, mentre il parafango anteriore è costruito ad hoc, con supporti, per questa moto. Faro e portatarga posteriori arrivano dal catalogo Rizoma. In tutto, il peso di questa moto è di 170 kg. 
Le foto sono del fotografo Volker Rost

Autore: Redazione

Tag: Special e Elaborazioni , special , vintage


Top