Attualità e Mercato

pubblicato il 1 dicembre 2015

Truffe patenti: pericolosissimo per la sicurezza stradale

La denuncia Unasca: “Serve anche a sensibilizzare gli utenti contro le autoscuole truffaldine”

Truffe patenti: pericolosissimo per la sicurezza stradale

Non ci nascondiamo dietro a un dito: sul rilascio delle patenti, c’è tanto da lavorare in Italia. Tutti noi, specie in moto, rimaniamo spesso sbigottiti da certi comportamenti di guida, chiedendoci come faccia quel dato elemento ad avere la patente. Sulla questione, è appena intervenuta l’Unasca, l’associazione di categoria che rappresenta le autoscuole e gli studi di consulenza automobilistica. Lo ha fatto proprio in risposta alle recenti vicende legate a truffe e patenti false diffuse su diverse aree del territorio nazionale.

Cosa è successo

Sono nelle cronache di questi giorni gli episodi del maxi sequestro, da parte della Polizia stradale in Provincia di Caserta, di oltre 150 patenti/CQC professionali; e la vicenda delle 108 patenti ottenute in modo illecito da cittadini immigrati, che ha visto coinvolte Motorizzazione civile e alcune autoscuole di Milano e Monza, e che vede sotto processo anche i cittadini coinvolti. “Queste vicende gettano discredito sull’intera categoria delle autoscuole - dichiara Emilio Patella, segretario nazionale Unasca Autoscuole - e mettono in cattiva luce il lavoro di molti operatori onesti e professionali, diffondendo l’errata idea di un andazzo generalizzato. Non è così ed è necessario ribadirlo con forza”.

Due obiettivi

L’Unasca rafforza, quindi, il suo impegno in questo senso con campagne interne alla categoria sull’obbligo di certificare la formazione agli utenti e promuovendo l’aggiornamento professionale continuativo agli istruttori. Ma non solo: nell’ambito della legalità, oltre alle autoscuole, è importante sensibilizzare gli utenti, dice l’Unasca, perché chi cerca un’autoscuola “truffaldina” o richiede aiuti illeciti incorre in reato penale tanto quanto il titolare dell’autoscuola. “E quanto agli esami truccati è bene che il ministero dei Trasporti rafforzi i controlli”, conclude l’Unasca: “La nostra idea è creare un sistema di certificazione di qualità delle autoscuole, organizzato ovviamente insieme ad enti terzi a cui gli utenti si potranno rivolgere con certezza”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , sicurezza , patente


Top