Eventi

pubblicato il 30 novembre 2015

BMW premia a Monaco i piloti del Motorrad Race Trophy 2015

Vince Matthieu Lussiana del campionato brasiliano. I boss di BMW ci hanno raccontato che...

BMW premia a Monaco i piloti del Motorrad Race Trophy 2015

Lo scorso anno BMW ha rivoluzionato il suo programma racing, lasciando da parte tutti gli impegni ufficiali in pista e dando supporto alle realtà private che corrono nei campionati locali con la S1000RR, organizzando per loro anche uno speciale campionato interno conosciuto come BMW Motorrad Race Trophy. Il 2015 è il secondo anno di vita del progetto e anche stavolta i migliori piloti della stagione sono stati premiati in una serata di gala in quel di Monaco, alla quale abbiamo partecipato anche noi.

BMW dice no a MotoGP e SBK ufficiale

All'interno del contesto è stata organizzata una tavola rotonda con Heiner Faust, (Vice Presidente Sales and Marketing) e Berti Hauser (Racing Support), in cui il programma è stato spiegato più nel dettaglio. Fra le tante domande rivolte dai giornalisti alcune hanno deviato dall'argomento di base per arrivare al futuro delle competizioni di BMW.
Anche ufficialmente, BMW ci tiene a ribadire che non è in programma alcun rientro in SBK come squadra ufficiale e non c'è possibilità di vederli in MotoGP, nemmeno come motoristi. Le risposte secche e precise ci fanno capire che realmente non è in corso alcun progetto di questo tipo e per i prossimi anni si continuerà con il supporto ai privati che corrono con la S1000RR in tutte le nazioni.

Focus sui privati e sulle moto di serie

In breve il discorso viene dirottato sull'argomento "produzione di serie", e si arriva a ragionare sulla G310R e sulla possibilità di vederla anche in una configurazione da gara, magari in un qualche campionato privato, ma ancora una volta BMW esclude questa possibilità confermando che il progetto prevede la diffusione in parecchi mercati della "world bike" bavarese, per poter raggiungere le 200.000 unità vendute entro il 2020, senza programmi sportivi dietro.
Nel futuro vedremo una nuova S1000RR sviluppata anche grazie al supporto dei team che partepano al Race Trophy, ma viene esclusa per il momento una nuova edizione della HP4, la bomba stradale realizzata con componentistica racing. 

Lussiana vince il Trofeo (e l'assegno)

Tornando alla premiazione, il complicato sistema di punteggio è stato leggermente rivisto per il 2015, per essere ancora più equo e premiare realmente chi ha ottenuto più vittorie e piazzamenti, considerando anche il numero di avversari e la categoria nel quale si corre. Al primo posto si è piazzato Matthieu Lussiana, poilota di punta del team di Alex Barros nel campionato brasiliano MT1GP. Per lui un assegno da 20.000 euro e un trofeo, che non ha potuto ritirare perchè impegnato nell'ultima gara del campionato. 
Al secondo posto Jordan Szoke, del campionato Superbike canadese CSBK, mentre al terzo posto Roland Resch, austriaco vincitore dell’Alpe Adria Road Racing Championship. Quarto posto per il trionfatore dell'IDM 2015 e futuro pilota SBK, Markus Reiterberger, un ragazzo "osservato speciale" dalla casa bavarese, in quanto tedesco e in quanto veramente veloce. 
Unico italiano premiato, Roberto Tamburini, che ha fatto davvero una bella stagione nell'europeo STK e si è piazzato settimo nella classifica finale del Race Trophy BMW. 

La classifica finale

1 Matthieu Lussiana (FR) MT1GP STK GP 436.69 pt.
2 Jordan Szoke (CA) CSBK PR 429.67
3 Roland Resch (AT) AARR SBK 414.73
4 Markus Reiterberger (DE) IDM SBK 401.79
5 Michal Prášek (CZ) AARR STK 337.42
6 Alastair Seeley (GB) BSB STK 328.73
7 Roberto Tamburini (IT) STK1000 326.86
8 Florian Brunet-Lugardon (FR) FR EU 325.38
9 Eeki Kuparinen (FI) CEV AM 323.89
10 Cyril Brunet-Lugardon (FR) FR EU 291.08
11 Pekka Päivärinta / Kirsi Kainulainen (FI) SWC 250.67
12 Adrián Bonastre (ES) CEV PR 249.20
13 Hudson Kennaugh (ZA) BSB STK 244.45
14 Michal Šembera (CZ) AARR STK 229.33
15 Peter Hickman (GB) BMW RRC 227.33

 

Autore: Michele Lallai

Tag: Eventi , gare


Top