Attualità e Mercato

pubblicato il 27 novembre 2015

Doppia omologazione per 125 e 150: anomalia italiana

Veicoli sostanzialmente uguali, sottoposti ad una doppia omologazione... in attesa della riforma del Codice della Strada

Doppia omologazione per 125 e 150: anomalia italiana

Sarà pure stato l’ultimo intervento in ordine di tempo, ma probabilmente s’è rivelato quello più interessante: alla Conferenza del traffico e della circolazione, Michele Moretti, responsabile delle Relazioni istituzionali di Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo accessori), ha evidenziato un’anomalia italiana che riguarda gli scooter.

In dettaglio

Per la precisione, nel nostro Paese esiste la doppia omologazione di veicoli sostanzialmente uguali, come uno scooter 125 e uno 150. In cosa si differenziano? Solo nella modesta differenza di cubatura del motore. Nel complesso, sono identici in freni, telaio e componenti. Per Ancma, le Case produttrici subiscono tale imposizione per rispondere alla domanda di veicoli in grado di viaggiare anche in autostrada, visto il limite minimo di 150 cc del motore, quando invece il parametro valido dovrebbe essere la velocità del mezzo.

La norma che non c’è

Dal 2010, si attende la riforma del Codice della strada. Fra le varie regole, si attende anche il permesso per le moto 125 di viaggiare su tangenziali e autostrade, purché il conducente sia maggiorenne. Ma fra un rinvio e l’altro della discussione del disegno legge, non si è ancora arrivati al dunque.

Questione sicurezza

In chiusura della Conferenza, Moretti ha anche detto che le due ruote sono ormai uno strumento insostituibile di mobilità e addirittura irrinunciabile in molti centri urbani. Il problema sta nelle condizioni in cui versano troppe infrastrutture stradali, con buche e insidie mortali per ciclomotori e motocicli. I dati Aci-Istat contano 60 morti l’anno su due ruote per ostacoli fissi sulla carreggiata: in risposta a questa strage sarebbe opportuno che almeno sulle vie di nuova costruzione si adottassero le precauzioni più opportune per le due ruote”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità e Mercato , varie , codice della strada


Top